martedì 8 giugno 2010

Tv di stato o tv pubblica?

è un punto fondamentale in materia di informazione con ripercussioni economiche.

se la rai deve essere di stato allora bisogna continuare così. e con santoro cacciare anche la gabanelli, floris, iacona, dandini, celentano ecc..

stupenda la ciliegina con la quale ultimamente vengono annunciati servizi di economia:
"ma in italia la crisi colpisce meno che altrove"
ma chi cazzo te l'ha chiesto?
ma cosa centra col servizio che stai lanciando?
ma soprattutto, chi sei tu per dire una cosa del genere?
su che basi la stai dicendo?
quali sono i paesi che raffronti?
infine, quale credibilità ha il prima e il dopo del tuo programma?

se si lavora in questo modo la rai può essere salvata solo dal canone, dunque dalle nostre tasche.

se si vuole una tv pubblica allora è tutto diverso:
si è indipendenti, si fanno programmi culturali, si tagliano gli sprechi.

per fare questo basta fare una cosa semplicissima:
eliminare e slegare il potere politico da quello radiotelevisivo (utopia assoluta).
in questo caso gli utili arriverebbero per forza e contestualmente potremmo risparmiare almeno quei 100euro di canone. (e avremmo anche una società meno imbecille).

una via di mezzo potrebbe essere una privatizzazione regolamentata su modelli occidentali però è implicito che questo avrebbe ripercussioni su mediaset dunque non credo si possa fare.
anche lì risparmieremmo 100euro di canone e avremmo persino una cospicua entrata per i conti pubblici.


ps: approfitto per esprimere solidarietà e apprezzamento a chi lavora in rainews24 alle prese con tutta una serie di problemi tecnici,
non ho dimenticato questi servizi:

http://www.youtube.com/watch?v=LUItACXfyT4

http://www.youtube.com/watch?v=B1H56gmTX00

e su cui la magistratura si è espressa in questo modo,

vedi qui

Etichette: ,

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.