lunedì 14 giugno 2010

Razionalmente insolvibili

nuovo record per il debito pubblico nostrano: ad aprile si è attestato a 1.812,790 miliardi di euro (1.812.790.000.000!!!!)
cifra (raggiunta soprattutto "grazie" alle politiche del pentapartito) e che oggi ci schiaccia in modo opprimente. pensate che considerando un tasso di interesse al 2% annuo siamo sui 36,255miliardi di euro (36.255.800.000) di soli interessi passivi. una finanziaria pesante.

abbattere il nostro debito è nella realtà assolutamente impossibile. nella pratica delle cose siamo già da tempo in bancarotta. da tanti anni perchè non si vede come con soldi veri lo stato potrebbe rientrare del suo scoperto. poi che l'ordine mondiale non possa (perlomeno fino ad ora) accettare un nostro default e dunque ci conceda di stare a galla semplicemente stampando carta (buoni statali), è un altro discorso.

ma nella realtà è una situazione senza sbocchi.
in periodi di crisi come questo le entrate tributarie calano mentre le spese sociali (+ cassa integrazione,+ incentivi, + opere pubbliche inutile ma buone a tenere a galla qualche grossa ditta ecc.). dunque nonostante i bassi tassi di interesse il debito non può calare anzi aumenta.
in periodi di vacche grasse seppur migliorano le voci di cui sopra abbiamo un aumento della spesa per interessi passivi visto che i tassi vengono alzati. e anche lì ovviamente non si riesce a far calare il debito, ci vuol tutta che paghiamo gli interessi.

Etichette: ,

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.