giovedì 3 dicembre 2009

Io so' io e voi nun siete un cazzo

purtroppo oggi la pubblicità è l'anima del commercio.
dico purtroppo perchè questo porta benefici ad aziende che investono con successo negli spot a prescindere da quello che poi è il prodotto offerto.
reclame che forniscono esempi straordinari in tal senso li vediamo bene specialmente nei prodotti alimentari.

insomma per alcuni paga di più investire in spot che non in qualità. la qualità ormai è diventata prodotto di nicchia e alla fine non necessita neppure del passaggio promozionale per vendere.
non si fa pubblicità per farsi conoscere, la si fa per vendere. trovo questa sia una distorsione dell'originario concetto di pubblicità e porta la massa a comprare merda.

ad ogni modo gli spot spesso offrono spunti di riflessione, per la sagacia con cui vengono realizzati alcuni di essi meritano riflessioni.
uno che gira in questi giorni e che certamente avrete visto anche voi mi ha molto colpito per l'onestà, per la riproduzione fedele di come vanno le cose in italia meglio di un trattato di sociologia.

cristian de sica può decidere chi far entrare nel privè; arriva un tale e gli viene chiesto il pass. niente pass niente ingresso.
arriva la figa, la belen, e chiede se allora non può entrare nemmeno lei.
ma no! le viene risposto, lei può entrare ugualmente e può far passare tutti gli amici che vuole.
alla fine il tipo sfigatello già respinto una volta torna a domandare di entrare ma niente, non ha il pass e neppure la raccomandazione.

Etichette: , ,

2 Commenti:

Alle 8 dicembre 2009 18:36 , Blogger dtt.ssa ha detto...

Chi lavora alla produzione di uno spot è un vero professionista. Niente e' per caso.

 
Alle 13 dicembre 2009 13:08 , Blogger LL ha detto...

a torino ieri 12-12, buttafuori non fa entrare un tale che estrae la pistola e lo ammazza.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.