mercoledì 10 marzo 2010

Origliando in treno...

domenica mentre sto viaggiando mi capita di ascoltare quattro amici che chiaccherano di lavoro.

il primo apre le danze dicendo che sta per chiudere la sua azienda metalmeccanica, lui e altri due soci con in più due dipendenti. si chiude perchè ci escono a malapena i soldi per pagare gli stipendi, il resto va tutto fra tasse e burocrazia. nero non riesce a farne e i margini sono troppo bassi.

il secondo ha un'azienda agricola che gestisce insieme ad un altro, producono fiori se ho inteso bene. dice che è mezzo disperato perchè ha da prendere 15mila euro in giro ma non riesce a farsi pagare. inoltre il mutuo continua a correre e quello lo deve versare con puntualità... poi chiosa: "fortuna che riesco a fare un pò di nero altrimenti avremmo già chiuso".

il terzo ha un'impresa di pulizie, lavora finchè vuole ma gli sembra di lavorare per lo stato. diceva una roba del tipo che se fatturasse tutto gli converrebbe essere dipendente piuttosto che non titolare. facendo un pò di nero guadagna qualcosina in più di quanto se fosse dipendente ma poca roba, comunque apprezza la libertà che dà l'essere capo.

il quarto, anzi la quarta è libero professionista non ho ben capito in cosa, forse collabora con un centro estetico e anche lei ringrazia il nero altrimenti sarebbero guai pure per lei.

insomma, non è la prima volta che mi capita di pensare che senza il nero in italia sarebbe la fine di tutto.
capisco che un dipendente il quale paga le imposte senza scampo sia incazzato dal fatto che altri evadono però lui deve anche capire che se le piccole imprese e i liberi professionisti non evadessero un pochino forse, anzi molto probabilmente, lui non lavorerebbe.... (a meno che non fosse un militare...)


nota bene:
non è un inno all'evasione! è semplice cronaca da diario senza pretesa di alcun tipo.

Etichette: , ,

1 Commenti:

Alle 10 marzo 2010 14:44 , Blogger dubbio ha detto...

Sottoscrivo. In pieno.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.