giovedì 17 dicembre 2009

Natale tra dati macro e borsa



continua la serie di dati macro importanti molto negativi per l'economia, ovviamente non è un problema solo italiano. non a caso tremonti proroga il condono fiscale seppur modificando aliquote.
per la serie ci servono disperatamente soldi ma non possiamo nè tagliare nel pubblico nè sperare nell'aumento delle entrate; inoltre bisogna sostenere gli ammortizzatori sociali e cercare di dare qualche appalto pubblico.

la disoccupazione continua a salire come ampiamente previsto e cominciano ad arrivare segnali preoccupanti sul mattone in italia davvero bene primario per eccellenza, bene rifugio più che altrove.
fondamentale per le famiglie e fondamentale per il nostrano settore finanziario che certamente è meno esposto su derivati e finanza virtuale rispetto ai cugini occidentali ma che detiene un vasto patrimonio immobiliare (d'altra parte o di qua o di là...).

insomma non è un contesto generale che mi induca a particolare ottimismo... aggiungo anche il carico portato dal governatore draghi di qualche giorno fa sulle obbligazioni in scadenza... ci manca solo una esasperazione della crisi sociale... e mi pare in tal senso continuino ad arrivare segnali di preoccupazione da parte dei capoccioni che si traducono in nuove restrizioni alle libertà basilari degli individui.

ad ogni modo, guardiamo un pò cosa dice l'analisi tecnica...
vi ho postato il grafico del più importante indice azionario del mondo, ho disegnato un rettangolo nel quale i prezzi si sono congestionati; di norma tale figura indica prosecuzione del trend in atto (che ovviamente è rialzista) però non è una regola fissa e soprattutto ricordiamoci bene che il nostro indice sta sottoperformando in modo considerevole.
aggiungiamoci che siamo proprio a pochi giorni dal natale, la più grande mangiatoia del mondo occidentale... vero potremmo strappare all'insù nel brevissimo, altrettanto vero gennaio non è un mese storicamente buono per i mercati azionari.
è un quadro ricco, niente da dire e continuo a restare ad osservare senza partecipare alle danze.

Etichette: , , ,

3 Commenti:

Alle 18 dicembre 2009 14:00 , Blogger alefederico ha detto...

Bravo, sei sempre molto chiaro nell'esposizione. Però non ho compreso il commento su Draghi e le obbligazioni: cosa voleva dire il Governatore?
Io sono entrato con pooca roba short sul ns indice (corto con i deboli, l'ho imparato da te). Sto anch'io alla finestra.

 
Alle 18 dicembre 2009 15:34 , Blogger LL ha detto...

nei prossimi mesi/anni andranno in scadenza diverse obbligazioni e bisogna augurarsi che i debiti vengano pagati...

grazie dell'apprezzamento!

ps: corto sui deboli io l'ho imparato su qualche libro di analisi tecnica, non è un concetto mio però lo trovo funzionale.

 
Alle 20 dicembre 2009 13:02 , Blogger cwtrading.blogspot.com ha detto...

anche io propendo per una continuazione del trend...

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.