giovedì 8 ottobre 2009

Ricapitolando

1- il debito pubblico degli stati occidentali è in crescita

2- il rapporto deficit pil degli stati occidentali è in crescita e molto spesso considerato eccessivo

3- la disoccupazione negli stati occidentali è in crescita

4- il debito medio delle famiglie occidentali è in crescita

5- alcune big aziende dichiarano "rinnovo incentivi o disastro"

6- le banche nonostante la buona liquidità sono spesso restie a concedere credito alle imprese

7- i tassi di interesse da molto tempo sono già ai minimi storici ma in questo contesto l'inflazione è piatta e al momento non rappresenta un problema (e questo è un problema).

8- nonostante tutto però le materie prime in genere si mantengono a prezzi elevati, col petrolio in area 70dollari.

9- non solo l'abbondante liquidità ma neppure il dollaro debole sembra dare slancio all'export usa. l'asia sta diventando il centro del mondo industriale ma le controverse problematiche che solleva possono essere taciute ancora per quanto? ancora per quanto ad esempio obama potrà non ricevere il dalai lama per non dispiacere a pechino?

10- l'oro, bene rifugio per eccellenza aggiorna nuovi massimi storici

è credibile che considerato ciò (numeri, non opinioni), la crisi si possa ritenere alle spalle?

Etichette:

4 Commenti:

Alle 8 ottobre 2009 21:16 , Anonymous Anonimo ha detto...

Penso che nessuno creda davvero che la crisi è alle spalle. E' per questo che continuano a ripetere che la crisi è ormai alle spalle. Quando il tuo pugile torna all'angolo con la faccia massacrata che gli dici?
Personalmente penso che quando i prezzi dei terreni aumeteranno (almeno del 50%) e quelli delle abitazioni scenderanno (almeno del 30%) quello sarà il segnale.
Ale

 
Alle 9 ottobre 2009 13:41 , Blogger LL ha detto...

dici dei terreni agricoli o edificabili?

no perchè una rivalutazione delle mie terre non mi spiacerebbe affatto... ;-)

 
Alle 9 ottobre 2009 19:56 , Anonymous Anonimo ha detto...

Certamente quelle agricole. Quelle edificabili sono anch'esse sopravalutate.
Ale

 
Alle 10 ottobre 2009 13:20 , Blogger LL ha detto...

speriamo sia come dici...
la crisi dell'agricoltura italiana mi sembra drammatica...
i margini scendono sempre più, si vive sull'aumento di quantità a discapito della qualità e della salute.
cioè a dire che stiamo andando incontro a morte certa perchè non possiamo competere su quei livelli contro i paesi emergenti.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.