mercoledì 30 settembre 2009

Chi decide la politica economica?

tremonti si arrabbia con le banche che non vogliono sottoscrivere i "tremonti bond", non tutte per la verità ma le due più grosse purtroppo hanno detto di no.

le grosse aziende industriali chiedono a gran voce nuovi incentivi per la rottamazione, il governo apre.

arriva il condono sui soldi prima evasi e poi trasferiti all'estero, la provvigione che otterrà lo stato italiano è davvero misera: il 5%. alla fine chi godrà maggiormente da questa operazione, a parte i delinquenti che ricicleranno il loro denaro (chi evade è un delinquente), sono certamente le spa che si occupano di finanza.

non so voi ma qui si parla di tutto fuorchè del ruolo che hanno certe spa, meglio, del potere che hanno certe spa anche di influenzare i governi e le manovre finanziarie.

"democrazia parlamentare" è un termine che non mi entusiasma ormai da tempo, motivo in più quanto sta avvenendo in questi giorni...
non voglio dire che abbia ragione brunetta "golpe di una elite", voglio dire che l'elite non ha colori politici ed è in grado di mettere sotto i governi.
dovrebbe incuriosire il fatto che tanti amministratori delegati abbiano stipendi superiori a chi amministra la nazione... di per sè sarebbe cosa illogica, o no?

Etichette: ,

2 Commenti:

Alle 30 settembre 2009 20:39 , Anonymous Anonimo ha detto...

E' indecente che la dirigenza FIAT brandeggi l'arma della chiusura stabilimenti per "convincere" il governo ad estendere le sovvenzioni per il 2010. E' ancora più indecente che il governo abbocchi. Negli USA gli incentivi sono accompagnati ad una vera e propria rivoluzione della politica dell'auto. Stanno convincendo gente abituata a viaggiare in SUV a passare a "macchinette". Perchè quì non destiniamo le sovvenzioni ad acquisto di auto SOLO gas?
Purtroppo hai ragione. E' il paese delle lobby (anche se sono convinto che "tutto il mondo è paese")
Ale

 
Alle 30 settembre 2009 20:54 , Blogger alessandropalestini ha detto...

Scenario inquietante...
Questi atteggiamenti non giovano a nessuno.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.