lunedì 4 maggio 2009

Maiali

grazie a questa crisi hanno preso valenghe di soldi le grandi banche e le grandi industrie.

effettivamente le aziende del comparto farmaceutico erano rimaste fuori... ora grazie ad una banalissima influenza si rifaranno.

in egitto ne approfittano per togliere di mezzo un pò di cristiani copti che sul maiale ci vivono... lo stato gli uccide i maiali togliendogli di fatto il più importante mezzo di sostentamento.

al nostro stato invece per fortuna non serve abbatterli... noi siamo specialisti per sparare un colpo d'avvertimento "in aria" e come al solito uccidere un innocente.

ieri sera la mascherina non me la sono portata, con tutti quei porci mi sono preso un bel rischio.. LL

Etichette:

1 Commenti:

Alle 4 maggio 2009 22:35 , Anonymous sergio ha detto...

maiali/e a 2 zampe ? la razza non è in estinzione, .per mia scalogna io ne conosco diversi ( e diverse )

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.