martedì 14 aprile 2009

Come distruggere motomondiale e formula1?

come distruggere i due più importanti sport motoristici?

basta andare avanti così!
come stanno facendo dorna e fia, cioè:

anteporre i petroldollari (uova)
alla gallina (appassionati)

che poi è la linea scelta dal calcio da diversi anni... LL

ecco un pò di numeri dal sito dei boys parma

"Domenica scorsa (5 aprile) è stata la giornata dello "spezzatino".

Una partita alle 13, sette alle 15, una alle 19 e l'ultima alle 21. Ma alle pay tv non basta. Vogliono spalmare la Serie A su tre giorni: sabato, domenica e lunedì. E con la B (venerdì e martedì) arrivare ad un totale di cinque finestre (con partite dei due massimi campionati italiani). La partita all'ora di pranzo alla domenica va contro le abitudini degli italiani, ma poco importa: si punta a conquistare il mercato televisivo asiatico.
Dell'opinione dei tifosi che vanno ancora allo stadio non importa niente a nessuno.
E infatti gli stadi sono ormai semideserti, anche se i media raccontano che sono sempre più pieni. Ma non è proprio così.

La Serie B (ridotta da anni ai minimi termini) è riuscita a stabilire un nuovo record negativo: la più bassa media spettatori degli ultimi 10 anni (siamo circa a 5.326 a partita).
La media spettatori della Serie A, invece, è ai minimi storici. In pratica: circa 5.700 spettatori in meno a partita, rispetto agli anni '90; circa 7.100 spettatori in meno a partita, rispetto agli anni '80.
Questi sono i risultati di chi gestisce il pallone, attraverso speculazione e repressione. Il calcio perde spettatori, quindi interesse, quindi valore (reale).
Un classico italiano: un bene nazionale impoverito per l'interesse di pochi."

Etichette: , , ,

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.