martedì 31 marzo 2009

Informazioni sull'energia nucleare

uno dei miei programmi televisivi preferiti è certamente report;
giornalisti rompiscatole come deve/dovrebbe sempre essere (due domeniche fa lo stesso confalonieri, uno degli "attaccati", faceva i complimenti al suo "inquisitore").
se penso che la domenica sera la lotta agli ascolti la vince la fattoria mi rendo conto di molte molte cose... del perchè questo paese "funziona" così...

domenica l'inchiesta verteva sul nucleare, sull'incontestabile dato del numero spoporzionato di tumori e leocemie che colpiscono chi vive in un raggio di pochi km dalla centrale; sui costi, e per la centrale e per arricchire l'uranio; sui reali benefici in termini di bolletta energetica; sulle difficoltà (e costi) di stoccaggio del materiale radioattivo utilizzato; insomma troppe cose taciute, omesse e dunque molto sospette...

noi ne avevamo parlato su PENSIERO ORGANIZZATO, qualche giorno prima, dando voce ad un fisico, certamente sulla materia più competente di un politico o di un qualsivoglia cittadino. (clicca per vedere) LL

Etichette: ,

7 Commenti:

Alle 31 marzo 2009 15:16 , Anonymous Anonimo ha detto...

ho visto il programma molto intrigante però solo a senso unico non cera una controparte non una replica, possibile che tutto il mondo vada verso la catastrofe per motivi economici nemmeno tanto importanti e poi per dei mutui non calibrati si arrivi a poter perdere tutto.
Sono perplesso non sono riuscito a capire quanto cera di scientifico e quanto di politico; in questo momento nessuno dice la verità e rai 3 non credo sia obiettiva mi sembra il controaltare di rete 4 anche i buoni giornalisti tengono famiglia.
APO

 
Alle 31 marzo 2009 18:17 , Blogger LL ha detto...

non sono d'accordo e ti spiego.

se i dati dicono che le leucemie e i tumori aumentano in prossimità delle centrali è un dato di fatto.

le importazioni di petrolio sono superiori in francia rispetto all'italia, è un altro dato di fatto.

la bocca tappata all'OMS per stessa ammissione dell'allora capo giapponese di cui evito di sbagliare il nome è un altro fatto.

che dovremmo comq acquistare un uranio preparato da terzi è pure vero come sempre da terzi dovremo acquistare la tecnologia è oggettivo.

e potrei continuare.

la politica a mio avviso c'entra poco, nel senso, nei paesi comunisti (urss e paesi orbitanti) le centrali nucleari ci sono sempre state e le continuano a fare (vedi la cina) dunque questa teoria per la quale i non comunisti farebbero centrali è molto discutibile.

ad ogni modo io una mia idea non ce l'ho.

per me che decidano i fisici ed i medici ma di certo non voglio che decidano i politici.

 
Alle 31 marzo 2009 18:21 , Blogger LL ha detto...

ah ancora una cosa che reputo importante:

non credo neppure io che rai3 sia così super partes, e credo che questo incida sulla scelta degli argomenti trattati.

sulla scelta degli argomenti, non sull'eventuale manipolazione degli stessi.

capito cosa voglio dire no?
un'inchiesta seria sulle coop non la fanno.
sul nucleare o su mediaset invece sì perchè oggettivamente lì si sentono forti.

 
Alle 1 aprile 2009 01:10 , Blogger roby ha detto...

se a 5 km dal sito la %di tumori e leucemie è4 volte la media,io ci credo,ci vogliono far credere che sia la panacea del fabbiSOGNO ener getico ma poi si scopre che icosti come i rischi sono enormi.Secondo me i politici NON ce la raccontano giusta xchè dietro ci sono interes si enormi in realtà non abbiamo bi sogno delle centrali,basta fare più attenzione all'uso ,sprecare di -,riciclare il più possibile ed il gioco è fatto. Di politico c'e ra l'espressione ACCETTABILE ,che vuol dire che le EMISSIONI sono Ac cettabili dal punto di vista polit ico sapendo che queste causeranno un numero di MALATI e di MORTI AC CETTABILI per la Società,il tutto in nome del Progresso.PS.I DATI DI FATTO NON SONO NE DI DESTRA,NE DI SINISTRA! Per me nella vita prima di tutto c'è la SALUTE poi la FAMI GLIA,il LAVORO, il DENARO(che è po co)e gli AMICI.ciao Roby

 
Alle 1 aprile 2009 14:44 , Anonymous Anonimo ha detto...

cerco di spiegarmi con un esempio se cade un aereo enormi titoli disastri ecc. ecc.però le statistiche dicono che a parità di trasportati la differenza di rischio è abissale a favore dell'aereo.
vorrei che la stessa cosa fosse fatta con la statistica della produzione di energia.a parità di produzione chi inquina di piu? poi se abito sotto un eletrodotto a prescindere da come sia prodotta l'energia subisco delle alterazioni .
i telefonini forse sono più gravi.
credo che il terrore dell'energia atomica sia in parte psicologico e ancora legato alla bomba.di una cosa siamo, sicuri non aumenta il calore per effetto serra se tra 50 anni si sciolgono i poli che mi frega dei residui che comunque al momento sono contriollati il ghiaccio non si riformerà più

 
Alle 1 aprile 2009 16:10 , Blogger LL ha detto...

"di una cosa siamo, sicuri non aumenta il calore per effetto serra se tra 50 anni si sciolgono i poli che mi frega dei residui che comunque al momento sono contriollati il ghiaccio non si riformerà più"


di questa parte non ho capito un belino...

 
Alle 1 aprile 2009 17:36 , Anonymous Anonimo ha detto...

volevo dire che le centrali atomiche non producono effetto serra perchè non producono anidride carbonica pertanto non contribuiscono all'innalzamento della temperatura.
Rimane il problema delle scorie, ma se ben stoccate e considerando che la tecnologia è in evoluzuione magari fra 50 anni sono più trattabili che so lemandiamo verso iol sole dove esiste una reazione atomica continua (era un paradosso).
Se invece il ghiaccio si scioglie fra 50 anni non ci sarà nessuna possibilità di rformarlo e il danno sarà irreversibile sarà una ecatombe.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.