venerdì 10 aprile 2009

Varie

buona la chiusura delle borse che ci interessano di più che con ieri hanno aggiornato i massimi settimanali.
brutto segnale non è dunque mantengo tutte le posizioni in essere, piccoli lotti su cui non ci sarebbe senso fare trading aggressivi vista l'incidenza delle commissioni.
e poi anche per me, sapete che per quanto possibile amo la tranquillità; certo la borsa non è un materesso ma ecco, all'interno della borsa c'è modo e modo di porsi e conseguentemente di rischiare.

i mercati riaprono martedì. come del resto molte attività lavorative.
interessante che stati così dichiaratamente laici, ed individui a parole altrettanto laici, finiscano poi per godere dei riti sacri tanto combattuti e osteggiati...
ma perchè non cominciare a combattere l'ingerenza della religione Cristiana proprio togliendo queste feste? w la coerenza...

ancora una cosa, ho appena letto un articolo interessantissimo tramite gli amici di tgfin (che tra l'altro hanno da poco cambiato look), dal titolo inquietante:

"Quali sono i rischi legali per i blogger?"
Dopo le recenti sentenze "puni-tive" che hanno messo in allarme i blogger che popolano la rete, il blog del consumatore (clicca per vedere) spiega cosa fare e come difendersi. LL

Etichette: , ,

1 Commenti:

Alle 17 aprile 2009 15:30 , Anonymous Anonimo ha detto...

Opinione... riducendo le spese non si riduce la crisi, la si aumenta, riduciamo il superfluo le spese inutili, ma c’è gente che vive sul superfluo e se tagliamo queste spese molti altri si ritroveranno senza lavoro, la nostra società è basata sul consumismo se viene a mancare è destinata a collassare sempre più velocemente e dalla crisi non ne usciremo più.

Molte aziende tagliano i costi ok, ridurre va bene ma c’è un limite,molti direttori amministrativi presi dal panico riducono all'eccesso mettendo in crisi fornitori e senza rendersi conto del danno che stanno provocando alla comunità, questa non è bravura ma pura incoscienza, sicuramente loro stessi dovrebbero togliersi per primi dalle spese se hanno questo atteggiamento dannoso.

E' il momento invece di premiare gli investimenti in nuove tecnologie, il risparmio energetico, incentivare il telelavoro magari pagando un pò meno il dipendente ma dandogli tutti i benefici del poter rimanere accanto alla famiglia, ridurre il traffico, l’inquinamento e concedergli più tempo libero per spingere i consumi locali.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.