sabato 16 febbraio 2008

Derby

fino a prima del duo amato-melandri spalleggiato da tutto il parlamento, si poteva assistere a spettacoli come da foto. oggi non più.

la violenza che c'entra? sicuri che agendo così non la si favorisca?
cioè, prima ci si poteva sfidare con il colore e con la passione; si passavano mesi a preparare Lo Spettacolo in modo da far rimanere tutti a bocca aperta dirimpettai in primis. poi si ci vantava della riuscita. quella sugli spalti era per noi tifosi la partita più importante perchè eravamo i protagonisti assoluti. venivano perciò convogliate energie fisiche e psichiche, tensioni, voglia di dimostrare la propria superiorità artistica; il tutto sul canale del colore e della passione.

oggi tutto ciò non è più possibile e non venitemi a dire che si potrebbe, basta chiedere l'autorizzazione.... nessuno è così misero da abbassarsi a tanto; non venitemi a dire che senza tamburi e megafoni stiamo tutti più al sicuro...
piuttosto sono straconvinto che reprimendo in tal misura i pazzi trovano terreno fertile nello scontrarsi in un duello a suon di botte e di violenza. semplicemente perchè è l'unico modo di fronteggiarsi l'uno contro l'altro. bene inteso, non voglio giustificarli affatto! anzi! e poi che senso avrebbe visto che in teoria potrei rimetterci in prima persona? (dico in teoria perchè resto convinto che volendo in certe situazioni non ti ci ritrovi..).

se i politici volessero veramente battere la violenza dovrebbero favorire che il duello si mantenga nei binari del colore e del calore. di questo ne sono convinto e lo dico con cognizione di causa visto che il derby di domani sarà la mia 263esima con la samp o giù di lì... tutte live ovviamente perchè nonostante qualcuno lo vorrebbe non la guarderò mai su sky... LL

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.