venerdì 8 febbraio 2008

Libertà d'espressione mediante lo scritto esercitata senza autorizzazione


pare non tutti i servitori di questo stato agiscano ciecamente secondo gli ordini ricevuti (le leggi dettate dai nostri esimi parlamentari) cioè di tanto in tanto mettono davanti a tutto la propria coscienza.
mi dicono sia stato così domenica scorsa all'olimpico e che per lo striscione "ciao gabriele", a firma fieri fossato, non sia stata chiesta alcuna autorizzazione ma esso sia stato lasciar passare ugualmente.
dal sito dei boys parma copio-incollo questo comunicato
Vietato ricordare Gabriele Sandri
Comunicato Curva Furlan di Trieste

29 - 01 - 2008
In questi giorni la Questura di Trieste ha consegnato tre diffide ad altrettanti nostri appartenenti per avere osato tenere in mano lo stendardo del gruppo cui apparteneva Gabbo, in segno di ricordo per lui.
Risulta assolutamente incomprensibile un tale accanimento delle forze dell'ordine nei confronti di chi ricorda un morto da esse stesse provocato, cosa questa che fa pensare al fatto che le forze dell'ordine abbiano la coda di paglia a riguardo dell'omicidio Sandri.
Cosa c'entrano le diffide perché si ricordava l'appartenenza di un morto?
Cosa c'entra questo con la violenza negli stadi?
Violenza negli stadi che a quanto pare ora viene esercitata solo le forze di polizia che hanno diritto di vita e di morte su qualsiasi persona che va allo stadio e come sappiamo non solo.
Loro questa violenza la possono fare eccome!
Che si chiami violenza fisica, psicologica poco importa; loro la chiamano giustizia e in suo nome calpestano i minimi diritti, non solo degli ultras, ma di tutti i cittadini!
Perché hanno associato la violenza negli stadi con gli stendardi di appartenenza dei vari gruppi annullando il colore?
Che cosa c'entra con la violenza?
E perché una persona, per avere mostrato una semplice bandiera o stendardo senza che vi sia vergato nulla di offensivo nei confronti di alcuno né ricordi regimi violenti o istigazioni varie, deve pagare con una diffida e soprattutto con TRE FIRME da fare durante la partita?
Tre firme... ma si rendono conto che la pena è smisuratamente esagerata?
Senza poi nessuna denuncia e nessun reato grave! Lo chiamano reato amministrativo, ma allora perché lede la libertà personale in assenza di violenza?
Siamo stufi di questo stato di cose e di questo accanimento sconvolgente e illiberale.
Lo rifiutiamo!
Protesteremo a modo nostro ma, sappiate che anche voi, vecchi, donne e bambini, siete un potenziale bersaglio di arroganti "difensori" di un ordine che è e sarà sempre più odiato.
Curva Furlan Trieste

1 Commenti:

Alle 7 novembre 2009 05:18 , Anonymous Anonimo ha detto...

necessita di verificare:)

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.