lunedì 19 novembre 2007

Campagna di sensibilizzazione

la giornata di ieri è stata ufficialmente dedicata alle vittime della strada.
ho così scoperto che solo in italia nel 2006 sono morte circa 8000 persone causa incidenti d'auto.
8000 diviso 365 fà 21,9 persone morte ogni giorno; quasi una media di un decesso ogni ora!
davvero allucinante!!! sapevo che erano tantissimi ma non pensavo fossero così tanti!
mi raccomando andate piano!!! (e mettetevi al volante da sobri e lucidi!)

ps: forse dovrei astenermi dal dirlo vista la drammaticità della cosa tuttavia devo per forza buttarla lì chiedendo anticipatamente scusa a tutti:
basterebbe vietare a tutti indistintamente di andare con le auto... (tra l'altro miglioreremmo pure l'ambiente...). LL

3 Commenti:

Alle 19 novembre 2007 20:29 , Anonymous Umberto ha detto...

Questa ti mancava,sai?Ti mancava proprio lo sciacallaggio morale per giustificare le orde di imbecilli che approfittano di possibili feste,le partite,per dar sfogo alla loro ignoranza.D'altra parte,tu ti senti tanto vicino a loro,ed io ti capisco proprio.Tu non devi chiede scusa,ma devi gridare ancora più forte ciò (ciò!) che sei.Gridalo,gridalo!Chissà che non ti esca l'anima ed arrivi a capire la diferenza tra necessità e divertimento?!Cissà che tu non riesca a capire che si possa morire per una fatale coincidenza,o a causa della sdrada sdrucciolevole,ma che mai e poi mai si debba morire per una partita di calcio.Chissà se mai capirai che una città non possa essere preda di cento ignoranti bestiali?!E che un teppista morto non dovrebbe morire nemmeno per mano di uno sconsiderato esaltato di poliziotto,ma che resta sempre un teeppista.Pena per lui e per il poliziotto.Pena per te,che non sei morto e non sei poliziotto.

 
Alle 20 novembre 2007 11:28 , Anonymous Anonimo ha detto...

Concordo in pieno! Gli ultras si rifanno la verginità raccogliendo fondi per questa o quella attività benefica, pubblicano post come questo tuo, e poi portano queste cose ad esempio della loro bontà.
Fate ridere.
Fate la colletta per i poveri ma poi distruggete tutto quello che vi capita a tiro durante le partite, magari la macchina di qualche povero cristo che ha fatto i debiti per comprarla e che grazie a voi è nella merda.
Però voi fate le collette benefiche, grad'uomini.

 
Alle 20 novembre 2007 11:47 , Anonymous Anonimo ha detto...

Ma non ti viene il sospetto leggendo i commenti che la gente ne ha piene le palle di voi pseudo-tifosi? E questo non ti fa pensare che forse, se c'è tanta gente che la vede così magari qualcosa di sbagliato l'avete fatto?
In realtà avete tirato troppo la corda. Avete portato la politica allo stadio, avete portato la violenza per la violenza, vi siete tirati contro pezzi delle istituzioni, della società civile, gli altri tifosi (quelli veri, che vorrebbero adare allo stadio coi figlioletti). Perfino le società di calcio ormai vi abbandonano quando fino a ieri vi sopportavano perchè ricevevano qualcosa in cambio da voi. Oggi non c'è più nessuno che vi difende, se non voi stessi. Non ti viene nemmeno lontanamente in mente che avete esagerato?
Certo che no. Cosa ve ne frega se ci va di mezzo chi non c'entra niente? Cosa ve ne frega se le vetrine che sfasciate sono quelle di chi si fa il culo 14 ore al giorno compresi i week-end per pagare le cambiali.

Se proprio avete voglia di sfogare la vostra idiota voglia di violenza, fate come gli ultras degli anni 70? Quelli si che erano seri. Si incontravano in aperta campagna due fazioni e se le davano di santa ragione. Si sfogavano e nessun innocente era coinvolto.
Ma no, voi volete finire sui giornali, in televisione, volete interrompere partite per sentirvi potenti, volete distruggere tutto per essere temuti (altro che rispettati come dite voi). E dietro a qualche capopopolo quattro ignoranti seguono come caproni al grido di signorsì-sissignore. Perchè fare parte del branco fà fico.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.