giovedì 15 novembre 2007

Rieccoci

queste ultime sono state giornate particolarmente pesanti...
non bastava la tristezza per la morte di un ragazzo qualsiasi (come potevo essere io o miei amici); non bastava la campagna d'informazione ufficiale; non bastava la nuova serie di provvedimenti presi (tra l'altro da un organismo che non è il parlamento ma che in sostanza detta legge); non bastavano alcuni arresti più che altro gettati in pasto all'opinione pubblica (tanto che poi quando finalmente è toccato ad un Giudice esprimersi molti di quei ragazzi arrestati sono stati rilasciati).
tutto ciò non è bastato e si ci è pure messo un paio di commentatori di questo libero blog... due su 200/300 giornalieri ma pesanti pesanti e quasi sempre distorcenti della realtà. sono arrivati insulti, mi sono state messe in bocca frasi mai scritte, e si è pure sceso sul personale inventando di sana pianta anche questioni concernenti il mio lavoro (scrivo qua per diletto ma sono pur sempre un contadino) o insinuando menzogne becere riguardanti una mia scelta di vita non violenta e pacifica, addirittura si è arrivati alle minacce.

peccato. dispiace cercare di fornire spunti che i media di professione si guardano bene dal dare e poi ricevere certi giudizi (ribadisco non critiche oggettive ma giudizi lesivi sia verso di me che verso altri utenti evidentemente non uniformati all'unica verità assoluta).
giusto criticare ma c'è modo e maniera tantopiù che la mia grande buona educazione mi ha portato a decidere di dare a voi tutti la possibilità di commentare i miei articoli. senza censura alcuna (anzi, una volta ho censurato un mezzo pedofilo ma per tale crimine proprio che ho dovuto fare un'eccezione, anche Gesù nei vangeli ci và già molto molto duro coi pedofili...), senza nessun filtro.
pochi altri blogger sono così disponibili e aperti... forse fanno bene ma non mi importa, io vado avanti per la mia strada a testa alta. LL

ps: cari provocatori, questa è la massima attenzione che vi posso riservare, a voi non dò alcuna risposta se non questa.

2 Commenti:

Alle 15 novembre 2007 15:41 , Anonymous Anonimo ha detto...

Art. 21 della Costituzione Italiana.

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione


Non ti curar di loro ma guarda e passa...


Sergio

 
Alle 15 novembre 2007 17:40 , Anonymous Anonimo ha detto...

Ciao Luca!
Non mi piace la violenza, nemmeno quella verbale, a volte anzi mi fa molta paura, perche' oggi spesso si tende a degenerare ed il finale non ha limiti.
Sono stato in silenzio perche' posso (credo) di capire il tuo stato emotivo in questo momento. Gli amici si vedono, si sentono e si leggono nel nostro caso, nel momento del bisogno... io ci sono, quando vuoi.
Un abbraccio
buddy

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.