giovedì 9 giugno 2011

Referendum 12-13 giugno




Domenica andrò a votare. Dopo molti anni di “incompatibilità celebrale” con la cabina elettorale, prenderò quella matita per tracciare quattro “X”.

Penso sia una vera occasione di consultazione Popolare, finalmente un atto Politico da parte dei cittadini che hanno la possibilità di far sentire la loro voce senza che essa sia incanalata/controllata dai partiti e dagli uomini politici.

Hanno poco da fingere i signori dell’italica sinistra quelli che certe leggi sui profitti dall’acqua le hanno fatte in parlamento e le hanno applicate per primi a livello locale.
Dubito l’intoccabilità dei ministri non possa essere in futuro un affare anche per loro… piuttosto loro mi pare più credibile vedano nel referendum la possibilità di dare una spallata a Berlusconi.

Dall’altra parte i “berluscones” come al solito non si vergognano di dire che tanto faranno come vogliono loro a prescindere dall’esito del referendum, storia vecchia che da sempre ha caratterizzato l’azione dei nostri onorevoli, pensate solo al referendum sul finanziamento ai partiti…
Che sul nucleare vogliono prendere in giro il paese dal punto di vista del business non lo dicono ma che cercare di evitare questo quesito era una strategia politica sì;
che sull’impunità dei ministri sarebbe legittima difesa contro i magistrati comunisti è il loro modo di sostenere il non raggiungimento del quorum;
dell’acqua parlano poco e lo fanno in ordine sparso, vedi alcuni leghisti coraggiosi.

Voterò quattro SI’ convinti,
perchè per come la vedo io l’acqua è di tutti e non vedo come si possa trarne profitti privati;
perchè il nucleare oggi è un affare per chi lo vende;
perchè la legge è, dovrebbe essere, uguale per tutti.

Voterò anche se non mi illudo si possa raggiungere il quorum,
troppo forte il boicotaggio dei partiti che purtroppo da taluni italioti vengono seguiti ciecamente;
i media ci hanno messo del loro a togliere interesse dalla questione;
bisogna tenere in conto gli italioti menefreghisti e gli italiani out per motivi di lavoro o di salute e infine quelli che effettivamente ritengono siano meglio le disposizioni vigenti perchè questa è la loro rispettabile opionione.

Etichette: , , , ,

2 Commenti:

Alle 13 giugno 2011 21:25 , Anonymous Anonimo ha detto...

Avevi proprio ragione sugli italioti........

 
Alle 14 giugno 2011 13:44 , Blogger LL ha detto...

belin davvero!
non me lo aspettavo mai più!
meglio così

;-)

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.