giovedì 24 marzo 2011

Chi semina vento...

va bene che l'allevamento compete all'agricoltura ma questo mercato delle vacche porta alla guida del settore primario un indagato per mafia (che sicuramente ne uscirà pulito e forse non è nemmeno indagato ad ogni modo vorrei sapere quali competenze ha e come mai dopo zaia e galan è toccato a lui. qual'è il filo conduttore?) dalla campagna pare per dare un contentino ad un branco d'irresponsabili scambisti disposti a tutto pur di mettersi in poltrona...

mentre ponzio pilato si lava le mani ribadisco un concetto già espresso:
l'agricoltura si regge principalmente sullo schiavismo di extracomunitari al sud e produzioni familiari a nord. il resto è industrializzazione agricola selvaggia con effetti nefasti per territorio, ambiente, salute ed economie locali. (non vedo come possa durare e lo dico da proprietario di azienda agricola).
di peggio c'è che finiamo in mano francese (ma forse è meglio....).

chi semina vento...
...raccoglie tempi di prescrizione più corti.

Etichette: ,

1 Commenti:

Alle 30 marzo 2011 14:24 , Anonymous Anonimo ha detto...

Hai detto una cosa abbastanza originale perchè conosci veramente il problema,su altri argomenti molti sono luoghi comuni.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.