lunedì 28 marzo 2011

Piccolo spazio pubblicità


dopo il ridicolo spot camuffato e andato in scena in "un posto al sole" a sto giro è toccato ai terremotati abruzzesi essere presi per il culo, pardon, strumentalizzati in un tarocco televisivo, forum a quanto dicono; non so, sono programmi che non ho mai visto, mi fido di you tube.

è la riedizione di antiche forme di pubblicità governative che vengono infilate di soppiatto in fiction o programmi vari.


ricordo di aver letto che addirittura nella germania nazista si arrivò a dare ai bimbi delle elementari problemini della serie "se un ebreo entra dall'ortolano e ruba 2mele per volta quante mele avrà rubato a fine mese considerando che entra nel negozio 20volte in un mese" o "se un paralitico costa allo stato 3marchi al giorno quanti marchi costa alla collettività in un anno". (mi pare benigni abbia fatto vedere/denunciato anche in un film questo tipo di schifezza). credo nei paesi comunisti e islamisti funzioni ancor oggi così.


comunque ciò ha diverse morali:

- pubblicità progresso

- so di non sapere

- il problema della tv sono chiaramente cloris, iacona, gabanelli e santoro

- prima agli ultrà poi a tutta la città

- la germania ci piglia apertamente come modello informativo negativo

- strano che l'italia come libertà di stampa stia dietro a cile, benin e namibia (siamo 40ensimi)

- domenica vado a verona senza carta di credito del tifoso

- strano che all'estero sanno più cose dell'italia che noi da qui



ps: lo striscione in foto è entrato senza chiedere il permesso alla questura come invece vorrebbe/imporrebbe la costituzionale legge amato-melandri

Etichette: ,

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.