sabato 3 luglio 2010

Pare grossa....

così Anthony Weatherill, ideatore di un progetto denominato tessera del tifoso il quale condanna aspramente la versione italiana e a Noreporter arriva addirittura a dire:

Tutte le componenti speculative si sono buttate in questo, perché hanno visto un ritorno economico. Se legano il loro marchio a quello di una squadra, chiaro che hanno visto in questo un vero business. Una banca o una compagnia di assicurazioni che non riesce a fidelizzare i propri correntisti. E’ chiaro che se legano il loro marchio a quello di una squadra hanno visto in questo un vero business. Le banche hanno pagato le società, stanno facendo un investimento pazzesco”.

A lei risulta che ci siano banche hanno pagato?
“Ci sono banche che hanno sicuramente pagato. Di Banca Intesa ho sentito che avevano dato addirittura un milione di euro al Milan per fare le carte, ne ho sentito parlare e me ne assumo la responsabilità”.


ps: mia nota personale, non solo le banche sono coinvolte in questa vicenda. nel senso che ci sono tante altre s.p.a. che vengono economicamente tirate in mezzo da questo tesserino. comunque sono certo che in italia le cose che dice weatherill non succedono.

Etichette:

1 Commenti:

Alle 3 luglio 2010 14:11 , Blogger LL ha detto...

la nostra u.c. sampdoria sta agendo così:

Per coloro che non la sottoscriveranno(tessera del tifoso ndr), nel rispetto di chi, in tanti anni, è stato vicino ai nostri colori, abbiamo deciso, in occasione di ogni partita interna, di garantire un periodo di prelazione per l’acquisto dei tagliandi dello stesso posto e settore in cui erano abbonati nella stagione 2009/10».

L'U.C. Sampdoria informa che a tutti coloro i quali non rinnoveranno il proprio abbonamento per la stagione sportiva 2010/11,(chi non avrà il bancomat del tifoso non potrà avere l'abbonamento ndr) sarà comunque garantito un periodo di prelazione per l'acquisto dei tagliandi per le sole gare interne (salvo restrizioni da parte delle Autorità di Pubblica Sicurezza). L'acquisto sarà effettuabile solo presso i Sampdoria Point, previa presentazione dell'abbonamento della stagione 2009/10. Per gli stessi verrà inoltre mantenuto il diritto di prelazione per potersi abbonare alla stagione 2011/12


da notare che la società si è mossa anche sulla non obbligatorietà della tessera per sottoscrivere l'abbonamento (ed attende risposte in merito... la questione non è chiusa...)

onore al merito alla società sampdoria (e a quella del genoa mossasi in modo simile), che ci è venuta incontro e che si sta impegnando concretamente sul dossier della tessera
(ha brandito un parere legale che gli è stato sottoposto dai gruppi della sud, e sostanzialmente, mi pare di capire, lo ha fatto proprio).

guadagnamo un anno di tempo, con tutti noi brutti sporchi e cattivi senza bancomat dentro la Sud, per trovare nuove forme di lotta contro questa tessera.
resta ovviamente il problema trasferte ma si vedrà. una cosa per volta. la società è dalla nostra e ciò non è affatto un dettaglio.

e comunque gli Ultras ne escono rafforzati sotto tutti i punti di vista.
gli oltre 1000 abbonamenti da loro raccolti (di gente disposta a non fare il bancomat ad ogni costo) dimostrano il grande senso di fiducia della gente comune nei confronti dei gruppi della sud.
questa decisione della società sampdoria, anzi, queste decisioni della u.c. sampdoria sono la prova del nove di quanta stima ci sia da parte della dirigenza verso quei ragazzi di gradinata sud e di quanto sia demenziale quest'imposizione ministeriale.

sampdoria 3 - sistemamaroni 0.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.