venerdì 9 aprile 2010

Bancomat & repressione

è giunto alla stretta finale il progetto che vorrebbe in un sol colpo:
1- far guadagnare un sacco di soldi ai soliti noti;
2- far fare al ministro maroni la figura, solo quella, del duro e puro;
3- dare alle polizie ancor più potere creando un precedente non di poco conto.

cominciamo da lì, che senso ha chiedere il permesso alla questura per poter avere una card (tipo visa) con cui poter andare allo stadio e fare acquisti di vario genere?!
ma per quale motivo un italiano deve fare una cosa del genere! tra l'altro è un lavorone per le questure. allora era molto più semplice stilare una lista nera e dare i nomi e cognomi di quelli che non possono comprare biglietti/abbonamenti (che in italia, unico paese europeo, sono ovviamente sempre nominativi).

cosa cambia per la sicurezza se chi oggi può entrare in uno stadio può anche ricevere questa card e continuare ad entrarci e viceversa? perchè così è!
questa card è negata a chi ha un daspo in corso o una condanna anche non definitiva (e comunque quando si apre un procedimento penale il daspo scatta automaticamente), chi ha un daspo se viene beccato allo stadio (cosa il più delle volte impossibile anche fisicamente visto che contestualmente è previsto l'obbligo di firma in caserma durante lo svolgimento delle partite) oltre ad una megamulta finisce in carcere.

davvero queste sono le priorità del paese italia? disoccupati sui tetti, suicidi per fallimento e per disoccupazione, occupazioni di carceri dismessi, record evasione fiscale, sciacalli di catastrofi e terremoti, politici sesso droga e rock n'roll, by pass all'articolo 18, prescrizioni, legittimi impedimenti, cattedrali inutilizzate nel deserto a spese dello stato, superstipendi a cazzo, morti in carcere, tangenti, massoneria, stato sociale azzerato, attese di un anno per una tac, informazione controllata, inquinamento, povertà e cocaina in forte aumento, e via discorrendo possibile passino in secondo piano?

perchè solo ed esclusivamente con questa card è possibile fare l'abbonamento alla propria squadra quando a tutti è consentito di acquistare un biglietto? (salvo restrizioni del casms che è noto a tutti continueranno comunque perchè un palermo-catania o un roma-napoli saranno sempre riservati ai soli ospitanti).
una card che oggi è gratuita per chi è già abbonato nella stagione in corso ma che costa dai 12euro in sù per chi invece al momento abbonato non è.
e te lo lì il perchè.
perchè se non la vincolassero agli abbonamenti ne farebbero poche decine in tutta italia invece così ne faranno centinaia di migliaia, nella loro testa milioni. card con le quali fare acquisti di ogni genere dicevo a dei costi per altro ancora poco chiari per il possessore.
le società del pallone, spa quasi sempre molto indebitate, hanno ceduto sugli abbonamenti ma non possono mollare anche i biglietti singoli poichè sanno benissimo andrebbero incontro ad ulteriori svuotamento degli stadi.

maroni mediaticamente fa un figurone ma è una cosa effimera, di mera facciata. in realtà non cambierà nulla dal punto di vista della famigerata sicurezza però grazie anche a come funziona la stampa in italia (che oggi dice che i cattivi non potranno averla e domani stenderà dei veli di copertura sugli incidenti che continueranno matematicamente a verificarsi perchè dove c'è tanta gente c'è sempre qualche imbecille) passerà per lo sceriffo che ha messo a posto le cose.
è uno stile tanto caro a questo governo (come a qualiasi altro), dalla spazzatura napoletana al terremoto in abruzzo l'immagine è tutto.

Etichette: , , , , ,

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.