venerdì 2 aprile 2010

Numeri che fan ridere (e preoccupare)

un pò di dati istat sul nostro paese:

il rapporto deficit/pil si è attestato al 5,2%, che poi diventa 5,3%, più che raddoppiato nell'ultimo anno, è il dato peggiore dal 1996;

negativo l'avanzo primario, -0,6%, rispetto al pil per la prima volta dal 1991;

sul fronte delle entrate totali queste sono diminuite del 2% mentre le uscite sono aumentate del 3%;

ma com'è che è messa la grecia?

ma sì dai, parliamo di ru486... sempre numeri sono...

Etichette:

2 Commenti:

Alle 3 aprile 2010 12:53 , Anonymous Frank77 ha detto...

Gurda però che il deficit Italiano è molto più basso rispetto agli altri paesi d'Europa.

Il problema in Italia sono il debito pubblico e la bassa crescita.

 
Alle 3 aprile 2010 15:49 , Blogger LL ha detto...

vero. al contempo però il nostro debito non ce l'ha nessuno e questa botta di dati spinge in una direzione pericolosa che presumibilmente sarà la stessa nei prossimi mesi con la fine degli incentivi alla rottamazione.
non vedo fiori all'orizzonte e il fatto che si parli di tutto fuorchè di queste cose alimenta in me sospetti.
pronostico:
un giorno ci sveglieremo con un provvedimento secco di qualche organismo finanziario e cascheremo dal pero nel senso tutti sorpresi a dire "belin ma è un complotto" (ad altre cascate non ci credo, ci salveranno come hanno salvato altri però ce la vedremo brutta).

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.