mercoledì 13 gennaio 2010

Aneddoto

a proposito di quanto sotto, mi viene in mente una cosa che mi è capitata quest'estate.

siamo ad agosto ed esce il dispaccio settimanale dell'agronomo (sapete che ho un pò di vigna) il quale consiglia di fare un trattamento all'uva a base di un insetticida in modo da "disinfettare" la stessa.
di fronte a queste soluzioni sono sempre cauto, a parte la spesa che è poca cosa, mi indispongono tre fattori:
1- uccidi tutti gli insetti, quelli buoni, utili e quelli cattivi. fai una strage insomma.
2- mi avveleno mentre faccio il trattamento (sì che ho maschera tuta e guanti però...) ed i giorni successivi in vigna non posso entrare.
3- avveleno me stesso, che un pò di vino per me lo faccio, e chi berrà lo stesso vino acquistato dal mio compratore d'uva.

vado in vigna, guardo, ne parlo con qualche anziano; ci rifletto. non mi pare necessario intervenire.
comunque vado al negozio apposito e chiedo consiglio anche al rivenditore, diplomato agronomo, partendo dal presupposto che lui è lì per vendere.
ovviamente lui dice che è meglio farlo e bla bla bla.
però gli dico: "nell'armadietto in magazzino ho visto che c'è un insetticida composto dal tale principio attivo, 20 giorni di carenza (intervallo di tempo nel quale il frutto non può essere raccolto) se mi decido dò quello che sono in tempo per ancora parecchi giorni visto che si vendemmierà tra non meno di un mese."

sapete la sua risposta?
"non darlo per carità! quel principio attivo lì l'anno scorso gli hanno aumentato la carenza, è passata a 50 giorni! quest'anno addirittura l'hanno ritirato dal mercato! portami quel poco che hai che bisogna smaltirlo ai sensi di bla bla bla".

capito?
ti danno una bomba atomica da usare in agricoltura.
poi si accorgono che han fatto una cazzata.

poi vengono i tumori.

Etichette: ,

1 Commenti:

Alle 14 gennaio 2010 11:25 , Blogger LL ha detto...

dimenticavo, per la cronaca non ho dato nessun insetticida e non ho avuto problemi all'uva.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.