martedì 20 ottobre 2009

Tutelare le esigenze di posto fisso e precariato si può

dico la mia sulla querelle posto fisso dopo lo scambio di opinioni tra tremonti e brunetta.

è indiscutibilmente vero come il posto fisso sia base fondamentale per fare progetti e costituire famiglie dunque andrebbe tutelato e favorito.
è altrettanto indiscutibimente vera la necessità che hanno le aziende di poter stare sul mercato avvalendosi del precariato perchè oggi possono arrivare ordinativi e commesse importanti o vincere un buon appalto dunque necessitare di manodopera ma presto doversi ridimensionare.

sono convinto si possa far convivere nel modo migliore queste due esigenze, bisogna solo equilibrare il tiro con stipendio e contributi in modo da bilanciare il tutto. oggi sappiamo bene non è affatto così, chi assume a tempo determinato risparmia in stipendio e in contributi.


poniamo il caso:
il tale personale assunto a tempo indeterminato (posto fisso) guadagni uno stipendio mensile di 1200euro a dipendente
e l'azienda voglia assumere per fronteggiare una fase di espansione, avvalendosi di personale a tempo determinato (precario) per sei mesi.

basterà imporre alla stessa azienda di corrispondere al precario stipendio e contributi identici a quelli erogati ai dipendenti a tempo indeterminato con l'aggiunta di accantonare una quota (nel caso specifico 200euro al mese) e relativa parte contributiva, di modo che scaduti i sei mesi non rinnovando al precario il contratto debba versare allo stesso la quota di 1200euro (cioè la cifra accantonata), che equivale esattamente ad una mensilità del lavoratore col posto fisso.

di fatto in questo modo il precario saprebbe che scaduto il suo contratto potrebbe comunque contare ancora su una mensilità senza lavorare. in quel lasso di tempo potrebbe cercare altro impiego riuscendo a fare fronte alle spese.

mi sembra fattibile, certamente di buon senso perchè se ti prendi il rischio di lavorare solo pochi mesi è giusto ti prendi anche più soldi di stipendio e contributi.
idem per le aziende, se vuoi godere di manodopera extra per pochi mesi la devi pagare di più di quella standard.



ps: con l'occasione andrebbe cancellata l'irap visto che con questo assurdo prelievo più dipendenti hai e più sei tartassato... della serie tafazzi è un dilettante.

Etichette: , , ,

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.