sabato 18 ottobre 2008

Ma con quali soldi?

per parcondicio, ma non solo, dedico spazio anche all'"opposiozione democratica" la quale in questi giorni va dicendo:

più soldi alla scuola pubblica
più soldi alla ricerca
aumento dei salari
aumento delle pensioni
meno tasse per le imprese

siete veramente fantastici!!!!
va bene che hanno depenalizzato il falso in bilancio ma a tutto c'è un limite... LL

5 Commenti:

Alle 18 ottobre 2008 22:33 , Blogger Andrea ha detto...

Credo che il problema non sia più soldi ma spesi meglio. Non vorrei ricordarti che per le banche le risorse sono state trovate...forse...

 
Alle 19 ottobre 2008 10:20 , Anonymous Anonimo ha detto...

-)posso risponderti?
1) più soldi alla scuola pubblica è facile e semplice: BASTANO QUELLI ATTUALI PIU QUELLI CHE ATTUALMENTE VANNO ALLE SCUOLE PRIVATE CHE NON SI CAPISCE PERCHE' BENEFICIANO DI INGENTI FINANZIAMENTI PUBBLICI.
2) più soldi per i salari? basterebbe continuare con quello che fece il centrosinistra nella lotta all'evasione invece di ridurre questa lotta detassando gli stipendi e riducendo alcuni sprrechi (ad esempio non accollarci tutti i debiti alitalia come farà questo governo ma tornare a vendere ad air france nel modello del tanto criticato governo prodi.. poi se vogliamo alzare un po' le tasse ai piu' ricchi, evitiamo di dare milioni di euro ai manager non lo troverei un male se poi abbassiamo le tasse sugli stipendi
3) idem per le pensioni
4) meno tasse alle imprese che assumono e a tempo indeterminato...
5) I SOLDI PER LA RICERCA DOVREBBERO TROVARSI A PRESCINDERE! Senza la ricerca è la fine... e di soldi ce ne sarebbero!
PS: iniziamo abolendo province e comunità montane.. sai che risparmio? ma la lega non so se è daccordo! ;-)

 
Alle 20 ottobre 2008 13:15 , Blogger LL ha detto...

x anonimo
una precisazione perchè una cosa che hai scritto è falsa:
non confondere la lotta all'evasione con quanto fatto da visco&c.
in base ai metri del locale, agli automezzi della ditta ecc. viene IMPOSTO un tot di tasse, QUESTA NON E' LOTTA ALL'EVASIONE; non mi viene il termine, comq è un'INFAMATA, punto.

gli altri sono punti di vista faziosi ma ho troppa fretta e poca calma per risponderti

 
Alle 20 ottobre 2008 13:18 , Blogger LL ha detto...

andrea per i banchieri i soldi si trovano sempre come del resto le leggi per impedire che finiscano nei guai anche di fronte alla più indegna porcata ma non centra ne la destra ne il centro ne la sinistra ne il lato ne il basso ne il fianco ne l'alto....

 
Alle 25 ottobre 2008 12:11 , Anonymous Luca ha detto...

Per la verità alle banche non sono stati nemmeno resi i soldi rapinati con la Robin Hood tax.
E già prima di quella le tasse pagate dalle banche italiane erano molto maggiori di quelle dei concorrenti.
Concorrenti che adesso hanno un ulteriore vantaggio competitivo dato dal denaro pubblico che altri paesi (per davvero e non come dichiarazioni d'intenti) ci hanno pompato dentro.
Le banche italiane sono state gestite in maniera infinitamente più sennata delle altre, ma se fosse dipeso dallo Stato italiano sarebbero fallite tutte da un pezzo.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.