venerdì 11 febbraio 2011

Rendimento sicuro oltre il 25%

balle? no, no.
numeri alla mano l'aumento del prezzo del biglietto del treno in una tratta interna alla liguria che faccio spesso è saltato da 5,20euro a 6,60euro (80km circa).
1,40euro di aumento che in percentuale fa +26,92%.

ah, così per la cronaca si parla di un treno regionale con viaggio in seconda classe, ergo il treno più a buon mercato che ci sia.

sempre per la cronaca sono aumentati anche i prezzi degli intercity, lì non ho dati precisissimi, se vado a memoria mi pare quel tratto costasse 8,50euro e adesso è passato a 9,50euro (si parla sempre di seconda classe). dunque sempre che ricordi bene l'aumento sarebbe inferiore in valore assoluto (1euro contro 1,50) e in percentuale praticamente dimezzato (+11,76%). spero di aver ricordato male il precedente prezzo dell'intercity...

dunque tanti bei soldini in più, già ma a chi vanno? e per merito di chi? e secondo quale politica sociale sono stati decisi tali aumenti visto che pesano di più sulle tasche dei più poveri?
il giochino dello scaricabarile è a tre: governo regionale, trenitalia, governo nazionale.

chi ne sapesse di più può contribuire nei commenti.

Etichette: , ,

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.