lunedì 26 luglio 2010

Stress test o crash test?

come è noto i parrucconi usano sempre termini sofisticati, rassicuranti, edulcorati.
per non dire depistanti...
questi, così definiti stress test, di fatto sono un'analisi di alcuni dati basilari delle banche:
si parte dalla dotazione patrimoniale e si valuta la quantità e qualità dei finanziamenti e del portafoglio, ovviamente facendo particolare attenzione ai titoli di stato dei paesi considerati più a rischio.

viene ipotizzato l'urto delle perdite sull'indice patrimoniale tier 1 delle banche (soglia minima al 6%), in caso di uno scenario sfavorevole per l'economia (-3% di pil rispetto alle previsioni).
se il sistema non regge bisogna intervenire sul patrimonio.

sul discorso esposizione verso i paesi più a rischio (più interessante e facile da capire), lo stress test ipotizzerebbe una perdita del 16-17% per i bond della grecia e del 3% per quelli di quella regione da alcuni chiamata spagna.
e sai che stress.....!!!! davvero questo è il pericolo??? un micro calo dei bond???

insomma per come la vedo io chi non passa questi test rischia il crash...
e siccome di crash si parla e non di stress, ti obbligano a rimpolpare il patrimonio. sempre che puoi... se non puoi ti conviene cercare di dare i dati che vuoi.

Etichette: , , ,

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.