giovedì 17 settembre 2009

"Incentivo o disastro"

in questi termini, stando alle agenzie, si è espresso marchionne.
belin sono quelle frasi che mi fanno partire in quarta....

intanto sono anni che andiamo avanti con questa droga, viene da pensare che siamo giunti alla dipendenza totale; ciò mi pare pessimo.
secondo: per qualcuno questa sarebbe la fine della crisi? belin andiamo bene....

inoltre mi domando se marchionne e gli altri AD delle grosse finanziarie, li metto insieme viste le richieste di aiuto a mamma-stato palesate in questi mesi, si rendono conto di che tipo di rapporto invece intercorra tra lo stato e le pmi.

parlo di quello che tocco con mano in questi giorni:
- mi è arrivata da pagare l'assicurazione per la grandine (ho un'azienda agricola); bene, lo stato al momento ha congelato il contributo pubblico dunque la dobbiamo pagare tutta da noi.
il risultato è una spesa tripla rispetto a quella dell'anno precedente.
- mi è arrivata da pagare una nuova tassa, nuova proprio di quest'anno, poca roba, 1euro circa a quintale di uva ma sottolineo che è una spesa in più.

questa è la diversità di trattamento tra lo scorso anno e questo per la mia azienda. questo è l'aiuto che riceviamo per superare la crisi.

i produttori di pesche dell'emilia stanno anche peggio, non hanno convenienza a raccogliere la frutta valutata 15-20centesimi di euro al kg. cioè a dire che ci vogliono circa 6kg di pesche per fare un euro, per pagarsi un caffè o comprarsi mezzo litro d'acqua.
poi al consumatore costa quello che costa... e si mangia quelle spagnole.

un mio caro amico che gestisce un'azienda meccanica insieme ad altri due soci e si ritrova con due dipendenti quest'estate per non chiudere ha lavorato anche in discoteca la notte. non che il lavoro gli manchi, però per non mancargli lavorano limitando i margini e ultimamente quello che ci esce al netto delle spese varie è praticamente zero.

mi si dirà che fiat è strategica per il paese.
può essere ma in tutta sincerità a me preme maggiormente quello che succede in italia, me ne farò una ragione se l'operaio polacco o turco dovrà essere cassaintegrato perchè i governi tagliano l'incentivo...


ps: settimana prossima compro il daihatsu terios (usato perchè comprare un'auto nuova mi sembra uno spreco).

Etichette: , , , ,

4 Commenti:

Alle 18 settembre 2009 11:38 , Anonymous Anonimo ha detto...

Quando ci rendi partecipi dei tuoi interessi in campo agricolo e li inframezzi con pillole finanziarie fai dei post qualcosa di straordinario. Complimenti davvero!
Enrico

 
Alle 18 settembre 2009 13:03 , Anonymous Anonimo ha detto...

Tutto vero.
E' la tragicomica realta'.

Quando ho letto:

'mi si dirà che fiat è strategica per il paese.
può essere ma in tutta sincerità a me preme maggiormente quello che succede in italia, me ne farò una ragione se l'operaio polacco o turco dovrà essere cassaintegrato perchè i governi tagliano l'incentivo...'

Mi hai fatto scompisciare

 
Alle 18 settembre 2009 14:06 , Blogger LL ha detto...

grazie!

bene bene, fa piacere essere apprezzato. niente da dire, grazie ancora.

 
Alle 19 settembre 2009 16:55 , Blogger Parcobuoi ha detto...

Io sono per il disastro così una molta per tutte ci si siete intorno ad un tavolo patendo da zero. Affamati come un tempo!
www.parcobuoi.com

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.