venerdì 4 settembre 2009

Gravi difficoltà economiche e aumento di potere di governi caratterizzati da una dubbia propensione alla democrazia

domenica sera in particolar modo ho vissuto con grande emotività l'esposizione dello striscione dei fedelissimi ("tessera del tifoso: altra pagliacciata di questo stato penoso").

ragazzi imbacuccati che nemmeno fossero terroristi in azione.. semplicemente erano lì che esponevano un pensiero di contrarietà ad una iniziativa del governo. ma questo allo stadio comunale è illegale.

la esponevano in luogo pubblico e dovevano coprirsi, rendersi irriconoscibili per non incorrere nelle "note" sanzioni (daspo senza processo da 1 a 5 anni prima, diniego della tessera del tifoso dunque daspo a vita poi).

non che sia la prima volta, anzi ormai ogni partita riescono a portare dentro qualche pensiero non autorizzato e ogni volta devono rendersi irriconoscibili alle decine di videocamere che puntano gli spalti ma sarà che i due combattevano anche contro il vento, sarà che il problema tessera è molto sentito, sarà che è cronaca attuale la libertà di stampa in questo paese che... boh... mi ha percorso un brivido, forse di paura, forse di rabbia, forse tristezza, forse per l'umiliazione che subiscono la libertà e gli individui in cui essi credono, forse non so spiegare...

oggi a me, domani a te.


ps: per gli ignoranti, gli striscioni violenti e razzisti sono vietati dagli anni '80 (legge mancino mi pare), come del resto è illegale ovunque inneggiare al razzismo o alla violenza.
("le leggi inutili indeboliscono quelle necessarie"; montesquieu)

Etichette: , , ,

3 Commenti:

Alle 5 settembre 2009 14:54 , Blogger dtt.ssa ha detto...

Scrive Aldo Grasso sul CorSera:

"Non è un mistero che una trasmissione come quella di Milena Gabanelli sia a rischio. Non solo per compatibilità con la nuova dirigenza ma anche perché il dg Masi le ha tolto lo scudo dell'assistenza legale nonostante non abbia mai perso una causa (ogni autore dei servizi sarà responsabile in proprio di eventuali azioni legali, un sistema per togliere coraggio anche ai più coraggiosi). Ci si chiede poi che fine faranno Giovanni Floris o Fabio Fazio o Serena Dandini. Su Raitre ci sarà visibilità solo per l'one man show come su RaiEducational".

Non ho parole!

 
Alle 5 settembre 2009 21:22 , Blogger LL ha detto...

grazie doc, ne avevo sentito parlare.
questo dev'essere il modo di fare informazione che piace all'innominato?

la sinistra si è scavata la fossa da sola,
prima agli ultrà poi a tutta la città.


ps: ho appena sentito la cristina parodi al tg5 sulla tessera del tifoso, le ipotesi sono:
- il pezzo glielo ha scritto direttamente maroni
- è mostruosamente ignorante sulla materia tessera del tifoso
- è in malafede per motivi suoi.

leggiti cosa hanno chiesto i tifosi bella cristina, leggiti l'articolo 9!
nessuno ha mai chiesto che chi è sotto condanna o sotto daspo possa andare allo stadio, si è chiesto che chi ha scontato la pena o fosse stato riconosciuto innocente possa tornare allo stadio. fine.

e poi chiudono la gabanelli...

 
Alle 6 settembre 2009 12:09 , Anonymous Marco R. ha detto...

Chi e' sotto condanna giustamente gia' oggi non puo' andare allo stadio.

Chi e' sotto daspo, per quanto il daspo sia provvedimento ingiusto, gia' oggi non puo' andare allo stadio.

Cosa dovrebbe cambiare questo bancomat se fosse come dicono?

Perche' se e' come dicono non modificano due parole dell'articolo 9?

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.