lunedì 14 settembre 2009

Paura eh?!

mentre in italia si scopre che dalla crisi stiamo uscendo però tra i posti persi negli ultimi mesi e quelli che perderemo a breve, avremo un -700 mila in due anni.
in pratica per due anni ogni giorno che passa 1000 italiani si svegliano con il culo per terra (roba da non dormire e non fate battute sul fatto che neppure i politici la notte dormono..)
ma se questi numeri non sono crisi, la crisi cosa è?
cazzo frega del pil! o conta più il pil della vita delle persone?
e poi soprattutto, il pil alla lunga può essere slegato dalla reale vita delle persone?
e non ditemi che il pil indica il benessere di uno stato per piacere che allora andiamo tutti in cina e india... che anche un incidente d'auto alza il pil (carrozziere, auto nuova, spese sanitarie, ripristino strada ecc.)

mentre in italia riaprono le scuole tra mille questioni, ultima in ordine di tempo 'il prego si accomodi' agli insegnanti che fanno politica... che poi la cosa sarebbe anche giusta se si trattasse di politica partitica ma se invece un insegnante fa Politica tanto di cappello, esempio banale: insegnare l'antirazzismo o il valore della democrazia è Politica; è da non fare?

mentre in italia report rischia di non partire, pare gli abbiano tolto gli avvocati della rai cosicchè gli ottimi giornalisti d'inchiesta che mai hanno perso una causa di fatto sarebbero facilmente bloccabili; mentre quelli del team di santoro sono senza contratto, pure floris (che per inciso mi sta sulle balle) viene messo ingiustamente da parte per fare spazio ad una cosa che porterà consenso al governo. non parliamo delle peripezie di unità, repubblica e avvenire.

mentre in italia pare stiano raddoppiando le aggressioni fisiche da parte degli automobilisti alle forze dell'ordine che chiedono patente e libretto (circa 900 in sei mesi, erano state un migliaio nel 2008), roba che allo stadio sono necessari anni per trovare numeri analoghi feriti.

dall'inghilterra arriva una notizia curiosissima ed estremamente inquietante:
dal 2010 entreranno in vigore nuove norme teoricamente atte a contrastare i pedofili.
cioè, la pedofilia fornisce la scusa per fare altro.

l'idea (idea???) è di creare delle liste di persone autorizzate ad avere contatti continuativi con i bambini, "patente di idoneità" l'hanno chiamata.
chi per qualunque motivo "incontra abitualmente" dei bambini, verrà sottoposto a controlli accurati sulla sua vita e sul suo passato, e sarà iscritto alle liste solo se uscirà senza macchia dalle verifiche:
presidi, insegnanti, medici, infermieri, allenatori, autisti di scuolabus, associazioni di scout e via discorrendo.

ma mica finisce lì, verranno sottoposti alle verifiche anche tutti coloro che con i bambini hanno contatti anche brevi come un passaggio in macchina "almeno tre volte al mese". e badate bene, basterà dare un passaggio in macchina agli amici minorenni dei propri figli senza essere iscritto nell'apposita lista, senza avere la tessera del tifoso, ehm no pardon volevo dire tessera di idoneità, anzi no patente del tifoso, oh cavolo che confusione, "patente di idoneità" ecco l'ho scritto giusto, per essere multati fino a cinquemila sterline.

in questo modo si stima che 11 milioni di britannici, un adulto su quattro, sarà "esaminato".

la crisi sarà ormai alle spalle però tutta questa voglia di archiviare dati, di fare "colonscopie" alle persone a qualcosa dovrà pur servire...

vi dico la mia?
hanno paura di perdere il controllo e allora danno giri di vite

Etichette: , ,

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.