lunedì 31 agosto 2009

Post anomalo

sul ministro zaia mi sono già espresso in termini positivi in passato, lo rifaccio volentieri visto l'argomento, e poi non voglio essere etichettato come di parte partitica, cosa che non sono. insomma, c'è l'occasione di parlare bene di un ministro e belin, cogliamola visto che non capita mai :-(
nello specifico pare la maggioranza vorrebbe estendere a tutti il divieto assoluto di bere prima di mettersi al volante, zaia con onestà rileva come solo il 2,09% degli incidenti sia causato da guidatori in stato d'ebbrezza e di questo 2% la stragrande maggioranza di essi presenta un tasso alcolico doppio lo 0,5 attualmente limite previsto.

"Bisogna finirla di considerare ubriaco chi beve due bicchieri: è in atto una criminalizzazione del vino".
verissimo!! e comunque bastano meno di due bicchieri per essere considerati ubriachi al test.

"Criminalizzare il vino non ha senso alcuno e sta uccidendo uno dei comparti più pregiati del made in Italy".
verissimo!! uno che se ne accorge...

"Il limite attuale, 0,5 grammi di alcol per litro di sangue, è ragionevole. Entro quei livelli si è sobri e perfettamente in grado di guidare. Corrisponde a due bicchieri di un vino che abbia non più di 11 gradi, diciamo uno spumante o un rosso non strutturato".
in inghilterra mi pare il limite sia 0,6... comunque ribadisco, basta meno per perdere la patente, poi dipente da quanto si è mangiato e da parametri soggettivi tipo il peso corporeo.

"Non vedo perché dovrei rinunciare a bere con intelligenza e moderazione solo perché ci sono irresponsabili che si ubriacano. Come mai non si guarda con altrettanta severità alle altre cause degli incidenti? Vogliamo parlare del fumo o dei farmaci che danno sonnolenza? Degli antistaminici che migliaia di italiani prendono in primavera per combattere le allergie? O dei tranquillanti? Temo siano più pericolosi dei fatidici due bicchieri. Ma nessuno se ne è mai occupato".
verissimo!! e io mi chiedo perchè devo rinunciare al colore e alla passione allo stadio perchè in altre realtà su svariate migliaia di persone ci sono anche degli infami. vogliamo parlare delle discoteche? della violenza quotidiana? nessuno se ne è mai occupato magari veda lei...


ps: nota a margine;
in un ristorante della zona, siamo ben lontani dai centri popolosi della costa, se avete presente l'entroterra ligure non farete fatica a immaginare strade di collina deserte col buio, incidenti zero, crimine zero; si celebra una cena risaputa, una festicciola (ma senza puttane! non credo nemmemo ci sia gente che possieda ford escort..)
una pattuglia dei carramba quella sera si apposta lì vicino (cosa che pare non faccia mai.. ok che nessuno ci passa mai di notte ma i paesi sono piccoli e le voci girano) proprio su un punto di passaggio obbligato per chi esce da quella festa... strada provinciale deserta insomma.
ovviamente fermano il primo che esce (l'unica auto che è passata di lì quella notte?). patente ritirata.
il tipo, che non conosco direttamente mi dicono essere un uomo tranquillissimo ha perso anche il lavoro visto che di giorno faceva l'autista.
complimenti alle autorità!

pps: nel ps siamo tornati alle incazzature solite... oh, proprio che non ce la faccio a fare un post di solo apprezzamento verso i capoccioni...

Etichette: , ,

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.