mercoledì 26 agosto 2009

Lippi è contrario alla tessera del tifoso

(foto scattata in una via di udine)

in un'intervista rilasciata a klaus davi, marcello lippi esprime un parere negativo sulla tessera del tifoso.

"Mi sa di schedatura.
La tessera del tifoso in trasferta non mi piace. E' una cosa che ghettizza. Anche se sono il ct della Nazionale, dico sinceramente che, a caldo, questo strumento non mi convince. Diciamo che qualsiasi forma di schedatura non mi piace, tanto meno quella che riguarda i tifosi".


ps: solo una puntualizzazione, maroni ha già detto che dal prossimo campionato sarà necessaria anche per fare un abbonamento; così per chiarire che non è solo rivolta a chi vuole andare in trasferta... è rivolta a tutti, a milioni di italiani. una schedatura di massa a pagamento dello schedato per la precisione.

Etichette:

3 Commenti:

Alle 26 agosto 2009 22:18 , Anonymous Anonimo ha detto...

Nemmeno a me piace sta tessera.Però non approvo nemmeno la proposta inserita nel volantino dei tifosi della Samp,il tetto al costo dei biglietti.Entrambe sono contro i principi del nostro ordinamento.E i volantini non servono a nulla.Bisogna lasciare vuoti gli stadi.Se tra le ragioni sottostanti la scelta della schedatura ce ne sono anche di economiche,l'unica soluzione possibile e seria è non andare allo stadio.Io la tessera non la farò.E tu?

 
Alle 27 agosto 2009 11:11 , Blogger LL ha detto...

e perchè scusa?

intanto il calcio è uno sport popolare dunque aperto al popolo, a tutte le classi sociali. in pay-tv costa meno di 5euro, non si vede perchè sarebbe sbagliato imporre un prezzo a 10euro. cosa per altro che avviene sia in germania che in francia!
si parla di alcuni settori, mica di tutto lo stadio.

auspico una serrata di tutti i tifosi d'italia ma sinceramente non ci credo. se si fa noi credo ci saremo senz'altro.

la tessera non ho deciso se farla o no ma penso potrei farla. penso finiranno per modificare sto articolo 9 dando un contentino agli ultras e finiranno per dare un contributo economico alle società dando un contentino ai presidenti.
a quel punto resteranno poche resistenze (purtroppo!) tantopiù che i media la stanno pompando... spiegherò il perchè...

non farla credo vada nell'interesse di chi la propone dunque a mio avviso il dispetto di ripicca bisogna farglielo in altro modo. con stile e intelligenza come ad esempio hanno fatto gli utc col loro colpo a milano.

i motivi per cui si impone la tessera mi sembrano chiari, schedatura & business. poi non so bene a che pro si vuole togliere i 40enni dalle curve... se le curve finissero in mano ai 18enni sarebbe il caos sotto tutti i punti di vista... ne parlerò nei prossimi appuntamenti.

 
Alle 27 agosto 2009 17:44 , Anonymous M.A. ha detto...

Il problema non credo sia risolvibile, Luca: la tessera, volenti o nolenti, passerà. Ed è solo una goccia nel mare, perchè comunque il disegno è molto più ampio, c'è un miliardo di euro l'anno in ballo, quello è il vero segreto.
E il rimpasto all'italiana avvenuto in Lega?
Come mai non ne parla nessuno?

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.