martedì 18 agosto 2009

No alla carta del tifoso



apro con stasera una serie di considerazioni sulla famigerata tessera del tifoso.

cominciamo col dire che nell'intenzione delle autorità vorrebbe essere necessaria per l'acquisto di un qualsivoglia biglietto stadio e di un abbonamento.

nella tessera, che si presenta con le sembianze di un bancomat, dovrebbe essere presente la fotografia dell'intestatario (dico dovrebbe perchè quelle consegnate ai milanisti ne sono prive), oltre ai dati anagrafici è presente un microcip con tecnologia rfid, la stessa in funzione sui cellulari. ciò consentirà la rilevazione satellitare con approssimazione di pochi centimetri del luogo preciso in cui tale tessera si trova.

la tecnologia è offerta da telecom italia (non credo gratis...)
tale tessera potrà essere ricaricata come un bancomat, consentirà acquisti non solo di biglietti ma anche di merciandaising (lo scrivo così perchè sono cose che mi mettono il belino di traverso), le banche ne avranno dunque dei ricavi. (il caso vuole che le banche abbiano un mare di crediti con le società di calcio e col cavolo che sti soldi li rivedranno... se le banche dicessero o ci date i soldi o non giocate i campionati si fermrebbero, cosa verificata in questi giorni in argentina, e cosa che porterebbe alla rivoluzione aggiungo io perchè se mancasse il "circensis" la massa "scoprirebbe" di vivere in un paese amministrato in modo indecente).

non a caso ai tifosi juventini tale tessera costa già in partenza 10euro.
poi ci saranno le commissioni immagino ma per ora non se ne parla, già tutti gli interessati sono contrari, società di calcio, club di tifosi, gruppi ultras dunque quel che si può non dire meglio non dirlo. di favorevoli al momento ci sono i giornali... strano, a guardare quanto le banche incidono nei vari cda non si direbbe... e neppure a guardare da quanti soldi prendono per gli spazi offerti a sky e mediaset premium... strano davvero.
da dire che il milan l'ha regalata ai suoi tifosi, ma loro hanno venduto kakà; i dati che ho sono discordanti, sencondo alcuni ne sono state distribuite 80mila, secondo altri 150mila.

capite bene che il giro d'affari è enorme.
chiunque vorrà vedere anche solo una partita dovrà farla, le aziende interessate ringraziano.
si parla di milioni di tessere.

Etichette: , ,

4 Commenti:

Alle 18 agosto 2009 23:46 , Anonymous Anonimo ha detto...

volete trovare la soluzione???
smettetela per una anno di guardare il calcio, sia in tv che allo stadio.

STOP SKY
STOP MEDIASET PREMIUM
STOP ABBONAMENTI

Questo sarebbe un grande segnale che farebbe riflettere molti magnoni magnati del calcio !!!!!

 
Alle 19 agosto 2009 00:25 , Anonymous Anonimo ha detto...

ho qui sotto gli occhi un articolo di un quotidiano "la nuova card,oltre ha consentire la gestione degli accessi agli stadi ha anche la funzione di carta di credito ricaricabile nel circuito Visa"..ah,quindi vedrai che ci saranno da pagare le commissioni,l'articolo continua "il tifoso così avrà la comodità di enrare allo stadio senza la necessità di portare con sè un biglietto cartaceo"..be dai,la tessera sarà anche una scocciatura,mavuoi mettere la soddisfazione di entrare allo stadio senza la necessità di portarti dietro un biglietto cartaceo..ah ha..secondo me,dirò una cavolata,ma in futuro faranno ?sta cosa qui anche per andare ai concerti,manifestazioni varie ecc,arriveremo ad un punto che senza una carta di credito non si potrà nemmeno fare la spesa,inoltre ci sono un sacco di rimbambiti fra il parco buoi che sono convinti che eliminare il contante a favore di una moneta elettronica sia una cosa positiva per il popolo!.
A proposito di parco buoi,io non ho ancora venduto i miei titoli,e mi sa che domani incremento le mie posizioni long.
ciao e good luck.

 
Alle 19 agosto 2009 13:07 , Blogger LL ha detto...

per il primo anonimo.

almeno a genova ci abbiamo provato, siamo stati fuori due partite (inter e atalanta), l'abbiao fatto bene in modo compatto, non è servito a un cazzo, quasi nessuna tifoseria ci ha seguiti.

so che ci hanno provato i romanisti col risultato che la curva sud era comq per tre quarti piena: un flop.

la massa è così, rinuncia a tutto ma non al calcio. i governi lo sanno.
ah no, mi viene in mente che rinunciano a tutto tranne calcio cellulare e lotterie. magari mangiano meno ma su ste cose non riescono a risparmiare (anche se i dati di affluenza agli stadi sono in calo verticale).

 
Alle 19 agosto 2009 13:10 , Blogger LL ha detto...

per il secondo anonimo.

"prima agli ultrà poi a tutta la città"

non è un semplice slogan.

io sono qui che aspetto una legge che regolamenti gli scioperi e le manifestazioni con possibilità di dare diffide e di concedere l'autorizzazione ad esporre striscioni solo se autorizzati.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.