giovedì 5 febbraio 2009

Contributo sull'auto

ho ricevuto questa mail da un fedelissimo lettore e ottenuto il suo consenso la pubblico con la speranza che serva ad un chiarimento sulla questione (a me ignota e forse non solo a me...).
dunque se qualcuno ne sa di più si faccia avanti! LL

--------------------

prendono in giro le persone,
ieri mio fratello e' andato vicino a brescia per prendere una nuova ford dopo avergli fatto il prezzo e scontato il contributo che da' la ford mio fratello gli ha detto che ci pensava aspettando l'intervento del governo,
risposta del venditore
"se danno aiuti supplementari ford toglie i suoi e il prezzo e' questo"

capito come vanno le cose in italia il contributo eventuale del governo se lo intasca la ford!!
a questo punto ho detto a mio fratello mandali a quel paese e non cambiare niente.

mail firmata.

2 Commenti:

Alle 6 febbraio 2009 15:18 , Anonymous Frank77 ha detto...

Di quello che dice un venditore che ha tutto l'interesse di vendere un auto,io non mi fiderei troppo.
Di solito poi quando lo Stato dà degli incentivi per comprare un auto,la casa produttrice dà anch'essa degli incentivi,corrispondenti a quelli dello Stato.

 
Alle 6 febbraio 2009 22:16 , Blogger duca ha detto...

Certo il venditore aveva tutto l'interesse a chiudere subito l'affare e non a rinviarlo di un mese. Ogni casa farà i suoi conti e le sue politiche di prezzo incluso gli incentivi. Il cliente intelligente metterà in concorrenza le marche o anche 2 concessionari della stessa marca.
Io almeno faccio così e non mi fregano di certo. Si può essere pro o contro agli incentivi, ma in generale io sono contro ai piagnoni.......il cliente informato decide lui da chi andare e se il prezzo è giusto. Altrimenti è come operare in borsa e non sapere nemmeno cosa è il P/E. Poi uno potrà piangere se perde i suoi soldi ma è colpa sua.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.