venerdì 9 gennaio 2009

CIA: in 10anni perse 500mila aziende agricole. costi triplicati e redditi in picchiata.

la confederazione italiana agricoltori sulla base dei dati istat denuncia una situazione sempre più difficile per il settore.
solo quest'anno sono scomparse 20mila aziende, 500mila come detto nel titolo in 10anni, nel corso dei quali, la superficie sottratta all'agricoltura è stata di oltre 600mila ettari.

i costi degli oneri sociali sono triplicati mentre i redditi sono in calo con tendenza negativa amplificata negli ultimi anni.

di fatto gli imprenditori agricoli si trovano di fronte ad aumenti dei costi di produzione, leggasi:
concini, mangimi, sementi, antiparassitari, gasolio.
in cifre facendo un raffronto con l'anno precedente da un +2,5% del 1999 ad un +10% circa del 2008;
(2000 +3,5%, 2001 +4,8%, 2002 +3,6%, 2003 + 2,8%, 2004 +5,1%, 2005 +4,6%, 2006 +5,2%, 2007 +6,1%).
gli oneri previdenziali in due anni sono cresciuti del 25,7%.

purtroppo a fronte di questi stratosferici aumenti dei costi la stessa merce venduta dalla stessa azienda spesso anzichè crescere di prezzo è calata!
intendiamoci bene, è calata per il produttore, mica per il consumatore!

la conseguenza logica ed incontrovertibile è come dal 1999 vi sia stato un crollo del reddito per gli imprenditori:
circa -2% quest'anno,
circa -10% nel 2005,
circa -3% nel 2006,
circa -2% nel 2007.
da notare come la situazione europea registri al contempo aumenti come nei casi di germania, regno unito, francia e spagna.

LL

1 Commenti:

Alle 12 gennaio 2009 21:59 , Anonymous Anonimo ha detto...

E' un sistema che funziona male. Concordo. Però,potresti mettere giù un post sulle truffe all'Inps dei finti braccianti agricoli,sui finti disoccupati tra i finti braccianti agricoli e delle loro finte malattie? Potresti scrivere qualcosa sulle truffe ai danni della CE? Anche delle truffe sui finanziamenti per inesistenti produzioni d'olio...Raccontimaolo tutto il marcio.

Sergio

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.