domenica 28 dicembre 2008

C'è un tempo per la pace e un tempo per la guerra

c'è un tempo chiamato tregua, per leccarsi le ferite e per armarsi.

c'è un tempo in cui il petrolio crolla e non si riesce a tirarlo sù in nessun modo.

c'è un tempo di pace in cui gli affari sono magri e un tempo di guerra in cui gli affari sono grassi.

scommettiamo che questa settimana chi ha i pozzi di petrolio farà affari d'oro semplicemente godendosi corposi rialzi da parte dei futures grazie alla nuova guerra israelo-palestinese?

l'uomo è carne da macello.
se non per tutti perlomeno per molti stronzi che il mondo lo controllano stando bene attenti a non metterci la faccia. LL

2 Commenti:

Alle 29 dicembre 2008 17:05 , Anonymous Anonimo ha detto...

Gli sceicchi finanziatori di hamas per fini speculativi?

Puo' essere :(

Come hai detto ieri il petrolio oggi corre :(

 
Alle 30 dicembre 2008 12:11 , Anonymous Anonimo ha detto...

Gli arabi più ricchi sono quelli che hanno i pozzi.

Se scoppia l'intifada o se arriva l'attentato il petrolio sale.

Non si capisce dove altrimenti i fanatici possano prendere i soldi.

Bin Laden dovrebbe insegnare.

MOLLIAMO IL PETROLIO E CONVERTIAMOCI A NUOVE ENERGIE INNOVATIVE, LASCIARE QUESTI FANATICI SENZA SOLDI NON HA PREZZO

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.