sabato 27 dicembre 2008

Credete ai fantasmi?

ci pensate mai a quante persone sono recentemente morte in modo violento, o ci sono andate molto molto vicino a causa dell'orda di pazzi sanguinari che c'è in giro?
lasciamo stare gli incidenti d'auto e quelli sul lavoro poichè i primi sono immensamente troppi (decine ogni giorno) e ci sbagasciano qualsivoglia ragionamento; molti dei secondi invece non attengono direttamente al viminale (poi capirete perchè il viminale c'entri con questo discorso), guardiamo ai fatti di cronaca più eclatanti e gratuiti che possono accadere a chiunque e che purtroppo si sono verificati nel corso del 2008.


a quel ragazzo di verona ucciso a calci per una sigaretta.
a quei frati assaliti per due denari e ridotti in fin di vita.
alla signora dell'altro giorno che è stata scippata mentre era in bicicletta e cadendo è finita in coma.
al tale ucciso a colpi di crik in un concessionario.
al tabacchino ammazzato come un cane.
al senza tetto bruciato vivo a rimini per "far serata".
alle ragazze finite a colpi di pugnale mentre rincasavano da maledetti ex.
a quella ragazza alle porte di roma uccisa con un ombrello.
al tale ucciso al semaforo dopo una litigata con un altro automobilista.
ai molti accoltellati nelle discoteche, di cui diversi deceduti (non solo clienti, come minimo anche un buttafuori).
ai cacciatori ammazzati per sbaglio in diverse regioni.
a quel cercatore di funghi del basso piemonte ucciso sempre da un rambo della domenica.
al tale ucciso per un parcheggio auto "rubato".
a quelli che in tutta italia regolano le beghe condominiali a coltellate quando non a colpi di pistola (uno recente a torino).
alle donne violentate in ogni provincia del bel paese ogni giorno, DIVERSE AL GIORNO.
ai tanti coniugi sequestrati in casa propria e torturati da bande di ladri, anche questa è ormai prassi quotidiana.
a quelli morti bruciati vivi colpevoli di essere in vacanza in un oasi verde che per sfariati motivi qualcuno ha desiderato bruciare.
a quella coppia del veronese che non ce l'ha fatta ed è morta ammazzata nella propria villetta per due orologi e pochi euro in cash, e ieri è toccato ad un signore di siracusa.
a quella coppia di olandesi viva per un pelo dopo essersi accampata alle porte di roma.
oggi in un treno fermo a napoli altro cadavere sfregiato e seminudo.
neppure sulle piste da sci si è al sicuro, anzi dopo tre settimane dall'apertura degli impianti già 1000 feriti e un morto (col pirata latitante).
i morti di droga li conteggiamo tra gli omicidi? boh.. se penso a quei ragazzini minorenni morti per una pastiglia di extasi... possiamo escludere un domani non capiti ad un nostro figlio o nipote?

quanti altri me ne dimentico??

TANTI!!!!!!
fate conto che nel 2006 ci sono stati oltre 600 omicidi, nel 2007 poco meno. nel 2008 immagino più o meno bazzicheremo lì.

eppure a sentire in giro... compreso conferenza stampa ufficiale del ministro maroni di fine anno sotto la lente cosa c'è? (dico sotto la lente per dire di cosa si parla, che poi di cosa si parla verrebbe da associare a cosa stia più a cuore, a cosa sia considerato più importante ma lì sono deduzioni mie, seppur logiche ma pur sempre mie).

per verificare andate qui, direttamente sul link ufficiale del ministero dell'interno, sono poche righe, fidatevi che merita. (la trovate anche nei commenti a questo post)

fatto? :-)

vabbeh dai "peccato" per il discorso sulla mafia e quello sul federalismo... nel senso, e parliamo dei tifosi dai! quelli con la T sempre tra i coglioni.... ben 7 righe contro le 4 ad esempio dedicate ai vigili del fuoco & protezione civile insieme, e le 0 (zero) righe a tutto il resto...

se ci concentriamo su tifosi e terrorismo (su quest'ultimo punto il merito è di un giornalista che con tutte le cose che si potevano chiedere ha tirato in ballo un problema da zero morti e zero feriti) qualcosa otteniamo no?

sìììì!!!!!!!!

otteniamo che in italia problemi di sicurezza non ce ne sono!!!!!!!!!!!!!

perchè mica seriamente vorremo credere che qualche decina di feriti per altro lievi (e deprecabili) nei pressi di uno stadio sia minimissimamente paragonabile per importanza alle svariate centinaia di omicidi e alle svariate migliaia di feriti gravi???? le vite sono tutte uguali per lo stato no?? i morti anche?? i feriti??

sì, non pensiamo al resto, non pensiamo a questa società. non pensiamo a come sia la vita nelle periferie, nelle campagne, nelle città, sui posti di lavoro, al mare, in montagna, al parco eccetera eccetera. non pensiamo che la protezione civile merita meno righe che i tifosi/Tifosi...

non pensiamo che è meglio, facciamo decidere ad altri di cosa ci dobbiamo preoccupare. LL

4 Commenti:

Alle 27 dicembre 2008 17:48 , Anonymous Anonimo ha detto...

22.12.2008 tratto dal sito web del ministero dell'interno.

Maroni: «La lotta alla mafia è il fiore all'occhiello di tutte le forze dell'ordine, con azioni coordinate e risultati significativi»
Conferenza stampa di fine anno del ministro dell'Interno. «Se il 2008 è stato l'anno del pacchetto sicurezza, il 2009 sarà l'anno del pacchetto autonomie». Sequestrati 4 miliardi di beni mafiosi, stadi più sicuri con la tessera del tifoso, entro marzo 1.400 nuovi vigili del fuoco


nostro servizio

«La musica è cambiata, colpiamo la mafia nei soldi». Lo ha detto il ministro dell'Interno Roberto Maroni nel corso della conferenza stampa di fine anno al Viminale. Il ministro non ha tracciato un bilancio, che sarà fatto il prossimo anno, ma ha fornito molti raffronti tra i dati del 2007 e quelli del 2008. «Il Ministero dell'Interno ha lavorato molto intensamente - ha detto - in un rapporto con il mondo delle autonomie intenso e dinamico. Se il 2008 è stato l'anno del pacchetto sicurezza, il 2009 sarà l'anno del pacchetto autonomie».

«Entro la fine dell'anno - ha annunciato Maroni - sono state trasferite tutte le risorse promesse ai comuni. I trasferimenti erariali ai comuni sono stati di 15 miliardi di euro nel 2008, così come gli oltre 2 miliardi di fondi compensativi dell'Ici ed i contributi del 5 per mille, circa 37 milioni di euro del 2006, colmando così un ritardo che si protraeva da anni».

Per il 2009, anno del federalismo fiscale, «ci proponiamo - ha proseguito - di far approvare il codice delle autonomie: è il parallelo del pacchetto sicurezza varato nel 2008 e prevede la ridefinizione delle competenze di comuni e province e l'eliminazione di enti intermedi che servono solo ad aumentare contenzioso ed aumentare i costi della politica».

«Entro marzo saranno assunti 1.400 vigili del fuoco - ha poi reso noto parlando di protezione civile - che avranno anche il compito di lavorare nei nuclei per l'assistenza alle imprese, strutture che opereranno con le aziende per evitare incidenti sul lavoro. Abbiamo una protezione civile e un corpo dei vigili del fuoco in buona salute».

Per quanto riguarda la sicurezza negli stadi, corroborata da misure severe che hanno riguardato tutti i campionati, il ministro ha riferito i dati, tutti col segno meno, sugli incidenti con feriti, -26%, e sugli incidenti con feriti tra le forze dell'ordine, -40%. «La tessera del tifoso certificherà i tifosi con la T maiuscola - ha affermato il ministro - non vogliamo chiudere gli stadi, come ha detto forse un po' troppo frettolosamente qualche presidente di società di calcio. Noi dobbiamo garantire la sicurezza, non i bilanci delle società che devono investire sulla 'tessera del tifoso', una best practice a livello europeo, per avere stadi pieni e sicuri».

L'azione di contrasto alla mafia «è il fiore all'occhiello di tutte le forze dell'ordine - ha detto il titolare del Viminale - con azioni coordinate che hanno prodotto risultati significativi».
«Nel Pacchetto Sicurezza abbiamo inserito una norma che aveva proposto il giudice Falcone - ha sottolineato - che consente di colpire la mafia nei soldi, separando il destino del mafioso dal destino del suo patrimonio. Una volta se il mafioso arrestato moriva il patrimonio andava agli eredi. Adesso resta sequestrato e resta parte del patrimonio pubblico».
Maroni ha anche precisato i beni sequestrati nel 2008: «4 miliardi, oltre il triplo rispetto all'anno precedente. Gli immobili sequestrati devono essere consegnati subito alle comunità e le aziende sequestrate vanno fatte proseguire nel loro lavoro da subito».

Il ministro ha infatti spiegato il paradosso che si verifica al sequestro di un'azienda: l'azienda funziona con la mafia, appena sequestrata, i lavoratori perdono il posto. Per Maroni occorre quindi rendere immediatamente disponibili per la collettività i beni sequestrati, ed anche i beni mobili registrati, come le autovetture di potente cilindrata poste in esposizione al Viminale. Per la mafia «la musica è cambiata» ha affermato con soddisfazione.

Rispondendo poi ad una domanda di un giornalista, Maroni ha rassicurato che «il Ministero dell'Interno segue con la massima allerta le indagini sul terrorismo, anche internazionale, in previsione delle prossime festività, ma su questo il ministro dell'Interno e il capo della Polizia dormono sonni tranquilli e con loro tutti i cittadini italiani».

 
Alle 28 dicembre 2008 14:43 , Anonymous Daniele ha detto...

In effeti questa notte a Milano altro morto ammazzato a colpi di pistola davanti ad una discoteca.

 
Alle 29 dicembre 2008 13:48 , Anonymous Daniele ha detto...

Discoteca di Gela, ragazzo in rianimazione dopo una rissa per futili motivi.

 
Alle 29 dicembre 2008 16:05 , Anonymous Anonimo ha detto...

Oggi anche cercatore di funghi ucciso nel pisano

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.