domenica 30 novembre 2008

Sky: fine della pacchia sull'iva?

questi sono i tre scaglioni i.v.a.:

- al 4%; aliquota minima, applicata agli alimentari, alla compravendita della prima casa, in generale ai beni di prima necessità.
- al 10%; aliquota ridotta, applicata ad esempio ai servizi turistici in modo da incentivare il turismo appunto (anche perchè in altri paesi nostri concorrenti è così) ed al momento non si sa per quale motivo applicata sui servizi offerti dalle pay-tv.
- al 20%; aliquota ordinaria, a tutto il resto. in generale beni non di prima necessità nè strategicamente fondamentali per il nostro paese.

dunque davvero non si vede il motivo per il quale un bene del tutto voluttuario, del tutto non necessario quale la pay-tv debba godere di un'aliquota agevolata al 10%.
farebbe bene, molto bene, super bene il governo a portarla al 20%!!!

non mi capacito di come la presunta opposizione, quella di sinistra, quella democratica, quella per la giustizia sociale, quella per il popolo, quella che sta con i poveri ecc. ecc. possa dichiararsi contraria a tale sacrosanto riequilibrio! è ora di smettarla con questo privilegio che lo stato per troppo tempo ha fornito a sky (ed anche alle altre pay-tv, mediaset compresa)!

che poi, secondo voi, il divieto di andare in trasferta a seguire i propri colori che ripercussione ha sui bilanci delle pay-tv?
e una serie A a 20 squadre con 3/4 turni infrasettimanali a chi giova?
e giocare alle ore 20.30 al gelo di torino sotto la nevicata a chi giova?
e i posticipi degli anticipi; gli anticipi; i posticipi a chi giovano?
e un calcio modello salotto di casa, uno stadio senza colore e senza calore, una prassi per acquistare i biglietti degna di una complicatissima caccia al tesoro a chi giova?

a me no di sicuro!!!! LL

4 Commenti:

Alle 30 novembre 2008 19:11 , Blogger marshall ha detto...

Luca,
hai ragione.
Personalmente rimpiango i tempi in cui dovevano giocare tutti in contemporanea. Era molto più avvincente di ora. Gli schedinari aspettavano con ansia la domenica, e quell'ora e tre quarti era sacra; tra quelli c'ero anch'io. Quanti soldi ci ho speso! ma erano spesi bene perchè mi divertivo, e con me il mio gruppo dei sistemisti. Quanti sistemi abbiamo adottato e anche inventato. Ora non esiste più quel gruppo. Sgretolato da tempo, perchè nessuno di loro ci trova più nessuna soddisfazione.
E questo è un altro di quei periodi della mia vita che rimpiango.
Ciao.
E grazie per il tuo "grande" sostegno.

 
Alle 1 dicembre 2008 00:45 , Anonymous Anonimo ha detto...

Io gli farei pagare anche gli arretrati a murdoc, anche solo per quanto rompe i coglioni con la pubblicità postale e telefonica "principalmente".
Speriamo che con questi soldi in meno che prenderà ci scassi meno le palle al telefono.
marcello

 
Alle 1 dicembre 2008 17:03 , Anonymous NON LA GUARDO SU SKY ha detto...

Il governo ha provato a toccare una casta, sky appunto e l' opposizione prontamente si schiera a sua difesa.

Chi e' tifoso odia sky.

Chi ha sky non ha problemi economici così gravi.

Chi e' di sinistra odia le pay-tv.

Chi ama il cinema odia sky.

VELTRONI + DIPIETRO + CASINI
=
VECCHIA POLITICA
=
SAVAGUARDIA DEI POTERI FORTI E DELLE CASTE
=
ROVINA D' ITALIA

 
Alle 1 dicembre 2008 17:41 , Blogger LL ha detto...

ringrazio giornalettismo per questo articolo con richiamo al mio post
www.giornalettismo.com/archives/12003/berlusconi-murdoch-lo-scontro-finale


e ovviamente ringrazio chi ha ancora la forza e la capacità di sdegnarsi pubblicamente come hanno fatto marshall, marcello e l'anonimo.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.