venerdì 1 febbraio 2008

C'era una volta l'agricoltura...

oggi in piemonte scioperano gli allevatori di mucche da latte il cui prodotto viene pagato la schifezza di 0,37euro al litro. al consumatore però il prezzo finale quadruplica o giù di lì... e così a occhio qualcosa non quadra...
gli stessi problemi li hanno i produttori di grano, ho un parente giù in irpinia che mi dice incassa al kg gli stessi soldi di venti anni fa.
così a occhio credo di poter dire la lista sia infinita... se voi/noi potessimo comprare i prodotti agricoli direttamente dal produttore risparmieremmo tantissimo e il produttore potrebbe lui stesso fare il prezzo invece che non oggi quando il prezzo (da fame) lo subisce per imposizione (prendere o lasciare). per quanto riguarda la qualità... beh, provate un pò ad assaggiare i prodotti presi direttamente dal contadino o allevatore e poi mi direte la differenza...
potremmo guadagnarci tutti insomma, produttori e consumatori, papille gustative e portafogli ma chi legifera si guarda bene dal lasciare che ciò possa avvenire ed anzi sforna leggi e leggine piene di cavilli burocratici, di norme asl, che solo chi ha un giro d'affari corposo può permettersi di rispettare. agli altri non resta che la resa ed adeguarsi ad un sistema sostanzialmente latifondista perchè in sostanza il produttore è costretto ad accettare la paga, per quanto spesso misera, offerta. sì, in teoria latifondo non è in quanto sussiste la piccola proprietà privata (e chissà come mai sta scomparendo sempre più...) ma nei fatti il produttore è come se fosse un dipendente alla mercè del padrone. LL

3 Commenti:

Alle 1 febbraio 2008 14:47 , Anonymous forexometro ha detto...

ciao ll,

guarda propio negli ultimi mesi qua in piemonete i produttori di latte hanno niziato posizionare distributori di latte automatico in delle piccole casupole (stile baite di montagna piccolissime )di legno aperte 24h/24h.

Il latte è sempre fresco, più buono e costa meno riseptto al latte fresco che si può trovare al supermercato. Secondo me è una buona iniziativa dei produttori di latte che continuano sì a rivolgersi alla grande distribuzione ma arrotondando di mlto il lunario rivolgendosi ai consumatori in maniera fai da te!

 
Alle 11 febbraio 2008 17:49 , Anonymous peter ha detto...

é proprio vero c'era una volta l ' agricoltura, oggi ci sono solo le tasse da pagare per avere gli operai in regola, in campagna non vuole lavorare più nessuno, il gasolio agricolo che arriva alle stelle e i prodotti che vendiamo che perdono sempre di più il loro valore. Noi agricoltori cosa dobbiamo fare per andare avanti?
P.S. dimenticavo il clima non ci aiuta più

 
Alle 13 febbraio 2008 13:23 , Blogger LL ha detto...

hai ragione al 100% peter!

io per questo operai non ne voglio, vado avanti con le mie forze e me ne batto il belino (grazie a Dio posso) se il giro d'affari è limitato.

e poi pensa a cosa succede soprattutto al sud con lo sfruttamento della manodopera straniera!!! in pratica lo schiavismo e nessuno fa qualcosa!!!

il clima ce lo hanno distrutto e il mercato pure non solo per le leggi assurde ma anche perchè ora conviene economicamente comprare chessò, le pesche cinesi che quelle italiane!!! ma ci rendiamo conto??? dalla cina a qua le pesche non deperiscono mai e costano meno delle nostrane????????? ma come cazzo è possibile?????????????????

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.