martedì 9 febbraio 2010

La mafia avrebbe fatto affari anche in borsa...

questa l'ipotesi d'accusa: tramite il titolo infinex mediante classiche operazioni di aggiotaggio ed insider trading sarebbero confluiti nelle casse dei boss circa 15 milioni di euro.

ecco, io quello che non capisco è come mai la mafia non abbia pensato di fare affari con la politica.... è una piovra che ha le mani ovunque eppure... possibile che abbia agganciato solo pochissimi pesci piccoli?
non sò, difficile formarsi idee in mezzo a questi silenzi e affari complessi perciò mi piacerebbe che i media si occupassero di certi argomenti scomodi... saranno cazzate... (forse)

Etichette: ,

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.