lunedì 2 novembre 2009

Business emergenza carceri

all'ultimo scoop emergenza carceri ci cuccammo l'indulto in modo da salvare soprattutto i reati dei colletti bianchi, gente che in galera nemmeno ci sarebbe andata perchè possono permettersi di pagarsi i migliori avvocati.
adesso la situazione è ovviamente anche peggiorata.

si scopre che "il detenuto non si massacra davanti a tutti" frase attribuita ad un omuncolo in divisa del carcere di teramo. bisogna massacrarli di nascosto altrimenti si rischiano rivolte
.
si scopre che da inizio anno sono circa già 150 i decessi in carcere di cui circa 60 suicidi, gli altri: qualcuno per malattia e tanti altri per "cadute maldestre" come ad esempio stefano cucchi.
tutte versioni molto credibili e rassicuranti... gente che cade e si rompe vertebre, costole, mandibole ecc. ecc. e muore. circa 1500 in 10anni, uno ogni tanto esce sui media. anche perchè il grosso sono extracomunitari le cui vite/morti non importano a nessuno.

ricordatevi bene una cosa:
può succedere a chiunque di noi.

perchè se bastano 20 grammi di hashish alle volte è sufficente anche meno, parte significativa dei galeotti è in attesa di giudizio.

comunque le parole d'ordine oggi sono:
- costruiamo nuove carceri;
- giù le mani dalle forze dell'ordine.

sul primo punto quel che è certo è che ci sono molte carceri già pronte da anni come ha ben documentato striscia la notizia. altrettanto certo è che diverse spa non rabbrividiscono all'idea di costruirne di nuove a prescindere dal fatto che vengano poi aperte o vengano lasciate all'abbandono.
sul secondo punto non ho la serenità necessaria per potermi esprimere liberamente.

Etichette: , , , ,

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.