martedì 7 luglio 2009

Due miliardi di dollari

se non dico cazzate a circa 3500 miliardi di vecchie lire ammonta la cifra complessiva degli accordi tra i pezzi grossi italiani e i pezzi grossi cinesi.

cosa cambia per l'italia:

primo, chi si oppone al regime cinese e viene ammazzato dalla polizia per i nostri media non è più
un "manifestante ucciso"; diventa
un "musulmano morto".
non si dice più:
"repressione in cina, la polizia uccide "x" manifestanti"
bensì si dice:
"scontri etnici in cina, morti "x" rivoltosi".




dopo aver vomitato andiamo oltre,
questa enorme somma di denaro probabilmente nel medio termine significa anche:

molti più prodotti cinesi in italia
qualche prodotto italiano in cina

meno lavoro in italia
più lavoro in cina

diminuzione dell'inquinamento in italia
aumento dell'inquinamento in cina

aumento delle attività nel settore trasporti
maggiore incidenza dei costi di trasporto sul prodotto
minore qualità del prodotto finale che noi consumiamo

aumento delle transazioni finanziare internazionali
aumento dell'elusione fiscale

fate un pò i conti se voi ci guadagnate o ci perdete.


nota bene: dietro questa operazione c'è l'appoggio del governo berlusconi, verrebbe da chiedersi cosa ne pensa la lega... comunque ricordiamoci che questo lavoro è stato molto bene avviato dal governo prodi con tanto di gita in cina del nostro ex premier accompagnato da uno stuolo di pezzi grossi italici.

Etichette: , , ,

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.