mercoledì 1 luglio 2009

Posta

ricevo una mail che offre un buon spunto:

cosa pensi della "condanna esemplare" per il più grande truffatore di wall street a 150 anni di carcere?
a me sembra una grande buffonata, condanni un 70enne a 150 anni di carcere. certo in america c'è la certezza della pena ma si sono inventati loro questa bella finanza creativa... e soprattutto questo meraviglioso sistema di controllo che ha fatto un bel po' di acqua da tutte le parti...


vero ci sia stata molta teatralità, è un dato di fatto oggi il mondo va avanti a spot.
serviva un capro espiatorio, uno su cui congliare le attenzioni, uno che pagasse in modo appariscente per indurre la gente a pensare che lo stato c'è ed è dalla parte del popolo.

intendiamoci madoff era da punire, ci mancherebbe altro e non si può certamente difenderlo però effettivamente da un punto di vista razionale agire in questo modo appare un pò ridicolo.

giustamente come fai notare tu è il sistema che è marcio, madoff ha sguazzato nel marcio ma ridurre il problema a lui è troppo comodo...
cosa che del resto è successa da noi per i casi parmalat e cirio dove le figure di tanzi e cragnotti hanno coperto tutto il resto... con annessi patteggiamenti illustri di soggetti a cui ancor oggi affidiamo i nostri risparmi.

ecco, la differenza è che almeno ogni tanto in america uno paga, e paga davvero, per me non è sta gran consolazione ma è sempre meglio che da noi dove non avviene nemmeno quello.

ti/vi racconto una storia odierna,

de gennaro era il capo della polizia ai tempi del g8 di genova
(lasciamo per un attimo stare quello che non è affatto un dettaglio e cioè l'organizzazione e la gestione della sicurezza nei suoi vari aspetti, dai danni provocati ai cittadini genovesi dai teppisti all'incapacità delle forze dell'ordine di difendere la cosa pubblica e privata e ai comportamenti degli stessi nei confronti di chi era lì...)

ce ne sarebbe già abbastanza ma per l'allora capo della polizia arriva nell'aprile 2008 anche il rinvio a giudizio per istigazione alla falsa testimonianza nelle indagini inerenti i fatti del g8 e in particolare i fatti della ex scuola diaz.
l'indagine va avanti da un pò e mano mano emergono le efferatezze gratuite commesse da alcuni uomini in divisa.

ebbene nonostante questo viene promosso dall'allora governo di centrosinistra, immagino con il determinante parere di giuliano amato, allora ministro dell'interno, diventando capo di gabinetto dello stesso dicastero.

cambia governo gli viene assegnato anche l'incarico di commissario straordinario per l'emergenza rifiuti in campania; ciò comporta l'investitura di pieni poteri, diventa una delle persone più importanti della regione campania con notevoli poteri decisionali che manco fosse stato scelto dal popolo.

addirittura il 23 maggio 2008 viene nominato dal comitato interministeriale per la sicurezza della repubblica direttore del dipartimento delle informazioni per la sicurezza, cioè servizi segreti.

proseguendo il suo corso la giustizia arriva oggi attraverso il pm a chiedere che gli siano attribuiti due anni di reclusione per istigazione alla falsa testimonianza, cioè per pressioni sull'ex questore affinché dichiarasse il falso sugli eventi drammatici occorsi alla scuola diaz durante il g8 di genova (la famosa macelleria messicana come la descrisse un alto funzionario "pentito" con tanto di molotov arrivate da chi non dovevano mai arrivare per nessun motivo..).

belin, in italia nel dubbio uno fa carriera... LL

Etichette: , , , , ,

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.