martedì 11 novembre 2008

11/11/2007 - 11/11/2008 CHI DIMENTICA E' COMPLICE !


ps: nell'immagine la copertina di un buon libro. LL




2 Commenti:

Alle 11 novembre 2008 17:58 , Blogger LL ha detto...

dal sito dei boys parma


Luigi Spaccarotella, l'agente di polizia che l'11 novembre 2007 ammazzò il tifoso laziale Gabriele Sandri all'autogrill di Badia al Pino (Arezzo), è sempre libero e sempre alle dipendenze dello Stato. Seppur accusato d'omicidio volontario (ci sono i testimoni) i magistrati non hanno ritenuto necessario carcerarlo. Ma si sa la "tolleranza zero" (quella che spesso è invocata per chi compie piccoli reati o addirittura per piccole infrazioni) non vale per alcune caste (e tra queste c'è quella delle divise).
In questi giorni Spaccarotella è stato nuovamente trasferito. Il ministero questa volta lo ha assegnato all'ufficio interprovinciale tecnico logistico di Poggio Imperiale (Firenze). Il trasferimento arriva a cinque mesi dall'altro, quando Spaccarotella fu destinato alla Polfer di Santa Maria Novella (stazione FS di Firenze). Una destinazione che destò varie preoccupazioni, visti i precedenti del poliziotto, giacché tra i tanti compiti della Polfer c'è anche quello di scortare i tifosi. Ma il ministero precisò che l'agente non si sarebbe occupato direttamente di ultras. Almeno questo...
Il nuovo trasferimento sarebbe da attribuire a "motivi di sicurezza". Ben inteso: sicurezza dello Spaccarotella (quello che ha sparato). Il capo della Polizia Luigi Manganelli, in merito, ha parlato di un aumento dei rischi connessi alla "sovraesposizione mediatica": "Il pericolo di incolumità esiste in genere per chi opera per la sicurezza dei cittadini nello status di operatore delle forze di polizia. Certamente anche la sovraesposizione mediatica può comportare e in genere comporta un aumento di questa situazione di esposizione anche a possibili ritorsioni e attività di minaccia. Questo vale per l'agente Spaccarotella e per numerosi altri operatori di Carabinieri e Polizia".
Sovraesposizione mediatica? Per Anna Franzoni, per l'omicidio di Meredith, e per tutti quei fatti di cronaca nera che riempiono i tg senza disturbare i potenti, non certo per l'omicidio di Gabriele Sandri. Una vicenda scomparsa dai media perché "scomoda".

 
Alle 11 novembre 2008 17:59 , Blogger LL ha detto...

dal sito dei boys parma

E' passato quasi un anno dall'11 novembre 2007 quando l'agente di polizia Luigi Spaccarotella sparò ammazzando Gbriele Sandri (ultras laziale) presso l'autogrill di Badia al Pino (vicino ad Arezzo). Gabriele stava seguendo la sua squadra del cuore in trasferta. Un omicidio volontario e immotivato, come testimoniato da chi ha assistito alla vicenda.
Appena la notizia trapelò (perché i media ufficiali parlavano incredibilmente di "colpi in aria") gli ultras di tutt'Italia si mossero, contro un sistema che voleva mettere a tacere tutta la vicenda e un mondo del calcio che continuava imperterrito per la sua strada.
A Parma, dove si giocava la partita contro la Juventus, noi BOYS esponemmo in Nord lo striscione "La morte è uguale per tutti", con riferimento alla morte dell'ispettore Raciti (vicenda ancora irrisolta, nonostante le leggi anti-ultras e anti-tifo prodotte da chi ha utilizzato una tragedia per aumentare la repressione e restringere la libertà). Ci astenemmo dal tifare e annullammo la coreografia prevista.
In tutti gli stadi comparvero striscioni e ci furono proteste. A Bergamo la partita fu sospesa dalla determinazione degli ultras, mentre a Roma scoppiarono disordini in vari punti della città.
A Parma, nei giorni successivi all'omicidio, ci presentammo come BOYS in due trasmissioni televisive (Tv Parma - Teleducato), per contrastare la disinformazione di alcuni giornalisti. Incredibilmente, nonostante fosse stato un poliziotto ad ammazzare un ultras, si cercavano di criminalizzare gli ultras. Ancor peggio che dopo la morte di Raciti, dove si diede la colpa agli ultras per la morte di un agente (ma la verità non è ancora stata scoperta, anche se un ragazzo s'è fatto un po' di galera).
Una nostra delegazione partecipò ai funerali di Gabriele a Roma, dove si radunarono ultras provenienti da ogni parte del Paese. Colori diversi ma tutti accomunati dagli stessi valori e dagli stessi sentimenti. Sentimenti di rabbia e dolore, per l'omicidio di un ragazzo come noi. Nella consapevolezza che la giustizia non è uguale per tutti. Che le divise sono una casta e che ottenere giustizia sarebbe stato quasi impossibile.
Gli ultras hanno chiesto verità e giustizia. E anche per questo hanno pagato. I triestini sono stati diffidati per aver esposto una gigantografia di Gabriele (donatagli dai laziali) nella loro Curva. Stessa sorte toccò ai pisani, per aver appeso lo striscione "Giustizia per Gabriele" a Verona.
E oggi eccoci qui, a chiedere ancora giustizia. Perché giustizia non c'è stata. La pretendiamo per Gabriele, per i suoi familiari, per tutti. Perché i privilegi dinnanzi alla legge fanno venir meno la legge stessa. La Polizia non può essere al di fuori della legge.
Ripensiamo a tutte quelle persone che ci dicevano di stare calmi. Quelle che ci dicevano che chi aveva sbagliato avrebbe poi pagato. Ma dove? Ma quando? Ma in che Paese?
Luigi Spaccarotella, nonostante le testimonianze, non è ancora finito in galera. Per lui niente "tolleranza zero", niente "certezza della pena". Anzi, è ancora in forze alla Polizia, pagato dallo Stato. Contro di lui non ci sono disegnetti fantasiosi (ricordate quelli di Catania?) o complotti di estremisti rivoluzionari, ci sono i testimoni oculari: una turista giapponese che afferma d'aver visto il poliziotto puntare la pistola tenendola con entrambe le mani in direzione di Gabriele, e la cassiera dell'area di servizio che afferma che l'agente aveva le braccia distese. Queste testimonianze (messe a verbale) smentiscono categoricamente le frasi del questore d'Arezzo e le dichiarazioni dell'agente.
GIUSTIZIA PER GABRIELE!

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.