venerdì 13 gennaio 2012

Sprechi liberalizzati?


E' giovedì sera del 5 gennaio mi trovo a Imperia e casualmente passo davanti all'Agenzia delle Entrate. Al terzo piano c'è un locale con ampia vetrata, illuminato a giorno.

Il 6 è l'Epifania. Il 7 sabato.

L'8 è domenica e la sera ripasso di lì. Ovviamente le luci sono ancora accese, del resto erano alle spalle giorni di festa... a meno che qualcuno non sia stato internato per lo straordinario...

Io nella mia azienda non scordo le luci accese!
E se ce le lasciassi pagherei io di tasca mia!
Chi ha pagato per quei tre giorni di spreco?

Nello specifico pochi soldi d'accordo, mi chiedo però se questo si ripete spesso ed è o meno fenomeno diffuso.
Inoltre mi chiedo come funzioni la gestione del riscaldamento e della cartoleria.
Mi chiedo infine quale spirito animi certi lavoratori e, se tanto mi da tanto, quanto effettivamente ci sia da fidarsi delle loro prestazioni professionali.

Etichette: ,

1 Commenti:

Alle 21 gennaio 2012 16:28 , Blogger marshall ha detto...

Non c'è da stupirsi. Quando la roba è di tutti (degli altri), c'è un certo menefreghismo, tanto paga pantalone.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.