giovedì 11 novembre 2010

Se io fossi Tremonti

accolgo la proposta di duca (finanza politica) e butto giù una sintetica serie di proposte politico-economiche.
comincio con un pò di cose su cui andrei a tagliare:

- chiusura o privatizzazione seria, l'esatto opposto per intenderci di quanto fatto con alitalia, dei baracconi statali: da tirrenia, alle fs, alla rai e soppressione di vari uffici ed enti assolutamente inutili se non ad assegnare poltrone.

- drastico ridimensionamento del personale burocratico e dirigenziale di polizia e carabinieri semplicemente accorpando i due gruppi. soppressione della "celere" e licenziamento totale del personale. soppressione di casms e osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive.

- stop alle missioni di guerra/pace all'estero se non quelle sotto controllo dell'onu. dismissione totale del costosissimo apparato bellico (semmai bisognerebbe lavorare ad un'unico esercito europeo). dare all'esercito italiano il compito di lavorare al fianco della protezione civile e soprattutto di lavorare al fine di prevenire frane ed esondazioni.

- accorpamento dei piccoli comuni e delle piccole province. accorpamento della regione molise all'abruzzo. togliere a sardegna e sicilia lo status privilegiato di regioni a statuto speciale perchè hanno dimostrato di non meritarselo affatto. (in sicilia licenziare 1000 operatori del corpo forestale ogni incendio; c'è un bonus di circa 50 roghi, fin troppo).

- riduzione delle auto blu in rapporto 1 a 10 per avvicinarci un pò alle stesse percentuali negli u.s.a.. fine dei contributi statali ai giornali di partito. fine dei privilegi tipici ed esclusivi dei politici italiani, allineamento perciò alla spesa politica di paesi u.e. come germania o francia.

- chiusura immediata di cantieri inutili quali tav e ponte sullo stretto e dei lavori sulla salerno-reggiocalabria perchè fino a quando ci saranno le mafie sarà sempre incompiuta perciò meglio potenziare i porti e far viaggiare le merci e le persone il più possibile via mare e aria.

- basta pagare la multa per misure di infrazione riscontrate dalla u.e.. rete4 docet, che la paghi il suo editore. stop a misure assassine quali caccia in deroga e amenità simili pagate dalla collettività.

ora chiudo poi se mi vengono in mente altre cose che taglierei aggiungerò, altrimenti mi dedicherò al capitolo nuove entrate e investimenti.

Etichette: ,

1 Commenti:

Alle 15 novembre 2010 13:12 , Anonymous angelo ha detto...

io penso che in un paese , in un qualsiasi paese , nessuno puo' fare quello
giuste cose che hai elencato, neanche gesu cristo , per farle devi far nascere
un nuovo paese e partire ex novo con quelle impostazioni saluti

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.