domenica 3 agosto 2008

Good holidays!!!

nell'augurare buone vacanze ai lettori vi segnalo una "cosa" a mio avviso importantissima su cui tornerò per fine mese; i flussi turistici.
stando a quello che ho appreso poche settimane fa l'italia in questa speciale classifica si collocherebbe intorno alla 27°, dico ventisettesima, posizione al mondo.

lì per lì ci sono rimasto malissimo visto che siamo carenti in fatto di materie prime ma siamo al contempo senza dubbio il paese al mondo con più ricchezze artistiche, reperti archeologici di ogni tipo, clima vario, cibo favoloso ecc.. insomma per motivi contingenti quella turistica deve essere la prima industria di questo paese, chiaro, se fosse amministrato con un pò di senno...
poi giusto ieri ho sentito che al primo posto c'è la francia e al secondo la cosìddetta spagna; a quel punto lì mi sono veramente cadute le xxxxx per terra! allucinante!!!

ma cos'hanno più di noi?
minori km di spiaggie e minore varietà. minore km2 di montagne per il turismo invernale. infinitamente minori anche i siti archeologici e i musei (ho capito che i francesi hanno il louvre ma firenze, venezia, per non parlare di roma dove nel computo dobbiamo inserire anche San Pietro e i musei vaticani visto che chi va lì per forza soggiorna in italia, non sono certo da meno; tanto per dire una cosa su cui non dovremmo essere forti, mi pare che il museo egizio di torino per importanza sia il secondo al mondo dopo quello di elcairo).
i francesi hanno la costa azzurra, i cosìddetti spagnoli la costa brava? e allora? pure noi abbiamo la costa azzurra, in più abbiamo la costiera amalfitana la costa smeralda non paragonabile alla seppur bellissima corsica nè alle piccole baleari, la versilia, il litorale adriatico per non dire della meravigliosa costa siciliana.
i francesi hanno la savoia per il turismo invernale, beh, e noi da lì andiamo verso oriente fino alle dolimiti dai sù la nostra quatità di montagne è immensamente superiore. i pirenei, lourdes a parte, non hanno da offrire forti richiami.
come siti archeologici questi paesi non hanno avuto popoli locali capaci di lasciare nell'antichità granchè, è tutto dire che le più belle opere antecedenti il medioevo sono state realizzate dai romani; in più noi abbiamo resti delle stupende colonie greche cose a loro sconosciute, idem per i reperti etruschi.
le repubbliche marinare sono nostre, le più belle città fortificate del medioevo pure.
i genii del rinascimento, scultori, pittori e artisti vari da dove vengono? dove hanno maggiormente lavorato se non alla corte dei Papi o delle fiorenti signorie locali?
certo i cosìddetti spagnoli ne hanno depredato di cose in giro per il mondo, america latina in primis, ma spessissimo la loro grande cultura li portava a fondere gli oggetti d'oro...
insomma, tenete conto che la penisola italiana nei 2000 anni antecedenti l'unità è stato di gran lunga il territorio più ricco del mondo. se poi tanti di quei reperti sono all'abbandono evidentemente la colpa è di chi li ha gestiti ma questo è un'altro discorso, quello che conta è che nessuno, tantomeno francia e cosìddetta spagna, ha a disposizione quello che abbiamo noi per attirare turisti.

che poi nella valle dei templi costruiamo mostri, in pompei diamo rifugio ai cani randagi, il centro storico di genova (il più grande d'italia) sia in mano a lingere d'importazione sono altri discorsi.
che poi al sud capiti manchi l'acqua per lavarsi ma magari nell'insegna c'è una stella in più... che i turisti li accogliamo derubandoli (anche legalmente a volte)... che le strade non ci sono e gli aeroporti nemmeno, in compenso gli autonoleggi non sappiamo neppure cosa siano.... che i musei sono chiusi quando dovrebbero essere aperti... che sui depuratori risparmiamo... che per business incendiamo i boschi... che arriva la nave da crociera e trova la città con i negozi chiusi per ferie.... che i giardini pubblici sono spaccio service... che non facciamo promozione ma anzi credo che uno ascoltando dall'estero cosa succede in italia ritenga sia un pò come andare a beirut o kabul con in più, oltre ai soldati per strada, pure la rumenta, sono problemi della politica attuale... LL



ps: io un pò per il lavoro, un pò per dove vivo, un pò per carattere non vado in ferie per periodi lunghi; preferisco la quotidianità e qualche pomeriggio in spiaggia (a 20min d'auto) con gli amici e poi qualche trasferta col doria.

4 Commenti:

Alle 4 agosto 2008 10:12 , Anonymous Anonimo ha detto...

A me pareva d'aver capito fossimo ventottesimi comunque non cambia nulla, mentre al primo posto a quanto ho sentito ci sono gli U.S.A.

 
Alle 4 agosto 2008 11:07 , Blogger LL ha detto...

potresti aver ragione, forse 27 li abbiamo davanti potrei essermi confuso. mi pare d'aver sentito la notizia circa 20 giorni fà.

su francia o usa prima guarda, lì l'ho sentita due/tre giorni fà.

purtroppo per entrambe non ricordo dove le ho beccate, euronews? raidue? rainews24? boh, sinceramente non ricordo proprio dove le ho prese... per il futuro bisogna che imparo a segnarmi la fonte.

 
Alle 4 agosto 2008 12:53 , Anonymous Frank77 ha detto...

Attenzione però;non confondiamo il numero dei turisti che vanno a stare in un paese,con i flussi turistici,che comprendono anche chi attraversa il paese anche senza fermarsi.
Per numero di turisti l'Italia è al 5° posto al mondo.
è sempre poco secondo me,pechè per le cose che ci sono da vedere l'Italia dovrebbe essere al primo.
Quello che più penalizza il nostro turismo sono sicuramente i costi;se io posso spendere di meno in Spagna,in Grecia,in Croazia,o in Egitto perchè dovrei andare in Italia?

 
Alle 5 agosto 2008 13:48 , Blogger LL ha detto...

vero frank, grazie mille del tuo intervento!
tu hai sottomano qualche classifica?

ps: tanto per dire i costi, da noi si paga un'iva più alta che in francia. da mentone a sanremo 20 min d'auto ma qui paghi più iva. dico, tanto per dire l'iva...

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.