lunedì 23 agosto 2010

Petroldollari 3.3

3.3. La costruzione dell'oleodotto BTC.

Il 13 luglio del 2006 è stato inaugurato l'oleodotto BTC (Ceyhan-Tiblisi-Baku) che collega il Mar Caspio al Mediterraneo Orientale. E' uno dei più lunghi del mondo con i suoi 1770 km ed è costato 4 miliardi di dollari.
Il BTC aggira totalmente il territorio della Federazione Russa, transitando attraverso le ex repubbliche sovietiche di Azerbaijan e Georgia, entrambe diventati "protettorati" degli Stati Uniti, integrate fermamente in un'alleanza militare con gli Stati Uniti e la Nato. Inoltre l'Azerbaijan e la Georgia hanno una cooperazione militare di vecchia data con Israele che a sua volta copre il 20% del suo fabbisogno con petrolio azero.
L'oleodotto BTC dominato dalla British Petroleum e dagli interessi statunitensi, ha cambiato la geopolitica del Mediterraneo Orientale che è ora collegato attraverso un corridoio energetico, al bacino del Mar Caspio. Il disegno strategico degli Stati Uniti è teso primariamente ad indebolire il ruolo della Russia nell'Asia Centrale e isolare l'Iran da queste importanti fonti energetiche.
L'Iran non è solo un notevole paese produttore di petrolio, ma è anche un ingombrante ostacolo tra la regione del Caspio ed il Golfo Persico e preferirebbe vedere transitare il petrolio sul suo territorio invece che attraverso la Turchia.
In ogni caso la rotta dell'oleodotto passa attraverso o vicino a sette diverse zone di guerra. Il suo percorso passa a soli 15 chilometri dal Nagorno-Karabakh, l'area dell'Azerbaijan occupata dall'Armenia, dove un conflitto cruento ha ucciso almeno 25.000 persone. Passa attraverso la Georgia, che rimane instabile, con movimenti separatisti in Abkhazia e Sud Ossezia, movimenti che il governo georgiano ha tentato di reprimere violentemente durante gli anni '90. Appena al di la del confine con la Russia, a poco più di 100 chilometri dalla rotta dell'oleodotto BTC, continua lo spaventoso conflitto in Cecenia. La regione ha visto anche un conflitto riferito al confine con il Dagestan nel 1999, e la lotta tra le repubbliche russe del Nord Ossezia e dell'Ingushezia nel 1992. Infine in Turchia, la rotta BTC passa attraverso il confine dell'area del conflitto tra lo stato turco ed il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK).

Etichette: ,

1 Commenti:

Alle 26 agosto 2010 13:45 , Blogger alefederico ha detto...

Ancora grazie di queste "chicche" notevoli. Complimenti al tuo amico per questa tesi.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.