sabato 3 novembre 2007

Moda

tempo fà si è scoperto improvvisamente che in italia muoino circa 10 persone al giorno per incidente d'auto, in tv non si parlava d'altro e subito è arrivato un decreto il quale, come evidenzia anche striscia, ti considera ubriaco al volante se usi il colluttorio o se mangi tre cioccolatini al liquore. ma 10 morti al giorni erano troppi sicchè si è perso il conto troppo presto e si è passati a parlare d'altro.

è stata la volta dei morti sul lavoro; tre al giorno. impossibile anche qui starci dietro per i media, se ne è parlato un pò poi amen. politici non pervenuti... e non venite a dire che loro di lavoro non sono pratici...

ora è il turno delle donne ma temo durerà poco; ne viene assassinata una ogni due giorni, circa 180 nel 2006 solo da ex (mariti/fidanzati) o compagni attuali. troppe, desisteranno anche lì e intanto i politici sono fermi alle quote rosa...

insieme alle donne ora vanno di moda i rumeni (voluti in europa solo dai grossi industriali per delocalizzare) però ne hanno arrestato 3000 in 10 mesi... non può durare neppure questo scoop e poi se si parla troppo (e male) di sta cosa come facciamo a far digerire al popolino il prossimo imminente ingresso della turchia?

quale sarà il prossimo scoop? la prossima legge speciale chi colpirà? (agricoltori e tifosi mi pare siano stati messi a tacere fottuti per benino... forse). LL

1 Commenti:

Alle 3 novembre 2007 16:59 , Anonymous Anonimo ha detto...

Spiegazioni sulla finanza mondiale......
http://blog.libero.it/ModestiCristian/

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.