mercoledì 2 maggio 2007

1° maggio

grazie alla campagna di sensibilizzazione portata avanti dai sindacati, dai media e dalle istituzioni ho scoperto che ogni giorno in italia muoiono 3,4 persone sul lavoro.

e pensare che io credevo l'unico morto sul lavoro degli ultimi tempi fosse l'ispettore raciti...



ps: con questo non è certo mia intenzione mancare di rispetto o giustificare in alcun modo una morte assurda. semplicemente mi limito ad osservare che per lo stato italiano possono anche morire 1280 persone all'anno sul lavoro senza che si muova un dito, però quando a morire è un poliziotto allora cambia tutto.
e questo mi spiace, tanto.
credo la morte sia uguale per l'operaio, l'artigiano, l'imprenditore, il professionista, il contadino ecc., per questo paese invece no.
non è un buon segno di salute democratica. LL

3 Commenti:

Alle 2 maggio 2007 17:26 , Anonymous Anonimo ha detto...

finalmente leggo qualcosa di sensato su questo blog,non mi sembra vero!

 
Alle 3 maggio 2007 13:32 , Anonymous LL ha detto...

grazie!

sei davvero carino e gentile, un vero amore.

un bacio!

;-)

 
Alle 3 maggio 2007 14:50 , Anonymous Frank77 ha detto...

Il problema in Italia è sempre il solito:si fanno migliaia di leggi,però poi non c'è nessuno che le fa rispettare.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.